Commenta

Atletica come collante d'una
sera in piazza. Interflumina,
il gigante e la bambina

Una serata che è stata, insieme, quella dell'apertura della fiera di Piazza di Spagna e quella della chiusura del progetto 'Nessuno escluso, grazie sport'. Mattatore della serata - nemmeno a dirlo - il professor Carlo Stassano

CASALMAGGIORE – Tanti piccoli atleti, a prescindere dai risultati (che per alcuni di loro sono già di rilievo), dal gigante Fausto Desalu alla bambina, quella che a metà percorso si è fermata presa dallo sconforto perché gli altri erano già troppo avanti ed è stata presa per la mano da Laura Bassetti sino al sorriso liberatorio del traguardo. Lo sport, quello bello, è pure questo. Ed è il sorriso dei ‘Girasoli’ anche loro impegnati a spingere per arrivare sino in fondo. O a farsi fare una foto ricordo dal campione di questa terra, il figlio del vento Casalese che – muscoli scolpiti e cuore gigante – si è prestato volentieri alla serata.

Una serata che è stata, insieme, quella dell’apertura della fiera di Piazza di Spagna e quella della chiusura del progetto ‘Nessuno escluso, grazie sport’. Mattatore della serata – nemmeno a dirlo – il professor Carlo Stassano, presidente dell’Atletica Interflumina. Ha seguito tutte le batterie (ostacoli, 50 metri piani e staffetta) incitato tutti e pure trovato il modo di salutare tutte le persone che lo hanno incrociato. A volte basta un ciao, come va, un sorriso o un abbraccio ed è quello che da tanti anni lui sa dare a chi lo incontra. Un’istituzione che andrebbe tutelata con decreto.

E’ stato lo stesso Carlo Stassano a premiare Fausto Desalu, fresco di convocazione nazionale agli Europei in programma a Berlino dal 5 al 12 agosto, insieme al tecnico Giangiacomo Contini e al fisioterapista Cristiano Carnevali. Un premio quanto mai meritato da tutti e tre perché dietro ai risultati di Fausto c’è anche il tenace lavoro di Giangiacomo e la preparazione di Cristiano. Dopo la foto di gruppo, il via alle gare. Gare con tanto di tempi, ma alla fine premi per tutti con grande gioia.

Presente sul listone anche il sindaco Filippo Bongiovanni, che si è intrattenuto a lungo con Fausto Desalu facendosi spiegare la recente impresa dei giochi del mediterraneo. Il primo cittadino è – oltre che appassionato di tennis e di calcio – anche un appassionato di atletica. Ed un ottimo atleta in gioventù era stato il padre.

Una serata all’insegna dell’Atletica ma anche (e soprattutto) della leggerezza. “Una piccola cosa” l’ha definita il professor Carlo Stassano. D’altro canto, di tante piccole cose sono costruite quelle grandi. Ed il premio finale, il sorriso di tutti i partecipanti, dal gigante appunto alla bambina, e la serenità del pubblico della piazza, multicolor (tanti i piccoli atleti di origine africana) e tutto accolto in un grande abbraccio simbolico e fisico dal professore sono stati il sigillo di un bel momento di sport e di condivisione, vissuti sul listone.

Nazzareno Condina

 

© Riproduzione riservata
Commenti