Commenta

A Martignana è nato il parco
"Gianni Rodari": recuperato
dai nonni per i loro nipoti

Da Rosa, poco prima che i bambini leggessero poesie e racconti di Rodari, è giunto l’invito al quale ci si può associare volentieri, rivolto all’intera comunità di Martignana di Po. “Fatevi un applauso, perché ve lo meritate tutto”. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

MARTIGNANA DI PO – Il lavoro prezioso dei nonni per un dono fatto ai loro nipotini e, in generale, a tutta la comunità di Martignana di Po. Da domenica, quando nel tardo pomeriggio è stata organizzata l’inaugurazione ufficiale, il comune casalasco è un po’ più ricco: ricco, in particolare, di un nuovo spazio verde, in via Verdi, strappato all’incuria e ora recuperato a pieno, grazie alle raccolte fondi e al lavoro manuale dei nonni che nei mesi scorsi si sono dati da fare.

Partiti dal nulla e nel nulla di un ambiente dove c’erano solo erbacce e poco altro, tutti hanno collaborato, hanno chiesto permessi e aiuto al comune, hanno trovato l’aiuto concreto di diverse ditte, tutte ricordate dal sindaco Alessandro Gozzi, che per primo ha preso la parola. I fratelli Bianchi di Agoiolo, la ditta Graepel di Sabbioneta, la ditta Bozzetti per le piante, la ditta Germani, e ancora Ferrari e Raineri, falegname e fabbro del paese, oltre a Roberto Finardi, che ha donato la fontanella. Insomma, un’impresa collettiva.

Il parco è stato dedicato a Gianni Rodari, scrittorie e poeta, soprattutto protagonista delle letteratura italiana per l’infanzia e l’adolescenza, la cui esistenza è stata riassunta da Gabriella Bassi, che fa parte del gruppo di nonni che ha recuperato il parchetto. L’idea di dedicarlo, come la stessa Bassi ha ricordato, è giunta su suggerimento di Massimo Pasanisi, un ragazzo di Martignana che ama leggere e riscoprire grandi autori. Prima di tutto però vi è stato un messaggio chiave da parte del sindaco, che ha rimarcato il cuore di questi appuntamenti. “Noi stiamo unendo una comunità, non la stiamo dividendo e questi eventi servono a questo scopo”.

Nella foto i nonni che hanno dato il via al recupero del parco

Martignana è il comune del Casalasco dove sono peraltro nati più bambini negli ultimi anni, frutto anche di una crescita a livello residenziale. Poi è toccato al parroco don Gino Assensi dare la propria benedizione e lanciare un messaggio ripreso dal Vangelo del giorno. “I bambini citati nelle pagine del Vangelo saranno i protagonisti di questo nuovo spazio creato proprio per loro” ha evidenziato il sacerdote.

Cesarino Rosa, rappresentante dei nonni che hanno dato il là all’impresa, ha raccontato come tutto è nato: dalle raccolte fondi frutto di feste organizzate nelle scorse estati, alla buona volontà nell’andare a cercare appigli e appoggi, che evidentemente non sono mancati. Da Rosa, poco prima che i bambini leggessero poesie e racconti di Rodari, è giunto l’invito al quale ci si può associare volentieri, rivolto all’intera comunità di Martignana di Po. “Fatevi un applauso, perché ve lo meritate tutto”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti