Commenta

Ponte Po, giovedì giorno
chiave. Venerdì lavori già
assegnati. Salvo intoppi...

Quel “salvo intoppi”, visti i precedenti anche recenti, non lascia del tutto tranquilli, ma proviamo ad essere ottimisti: molto dipenderà dalla correttezza della documentazione presentata.
Nella foto la nuova sede della Provincia di Parma in via Martiri della Libertà

PARMA – Giovedì 11 ottobre alle ore 11.30: una data importante, come abbiamo annunciato nelle scorse ore, nel travagliato percorso di rinascita del ponte Po. In buona sostanza per l’ora di pranzo di domani se ne saprà di più sulle offerte presentate e già si potrebbero azzardare pronostici su quale delle ditte possa poi spuntarla. In realtà non servirà attendere molto: “Salvo intoppi – ha spiegato Giampaolo Serpagli, delegato alla Viabilità della Provincia di Parma, ente che assegna i lavori e poi avrà il compito di seguirli – già venerdì dovremmo assegnare le opere da realizzare alla ditta che risulterà vincitrice”. Quel “salvo intoppi”, visti i precedenti anche recenti, non lascia del tutto tranquilli, ma proviamo ad essere ottimisti: molto dipenderà dalla correttezza della documentazione presentata.

Intanto giova ricordare che sono cinque le ditte che hanno partecipato al bando di gara: una di queste è cremonese, di Paderno Ponchielli, ossia la Paolo Beltrami Spa. Con questa partecipano alla gara anche la Edil 2000 di Martirano Lombardo (Catanzaro), la Coimpa Consorzio Stabile di Parma, la Engeco di Bregnano (Como) e la Preve Costruzioni di Roccavione (Cuneo).

G.G.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti