Commenta

Camminata chiusa... per
matrimonio: le immagini della
festa di Federica e Alessandro

Un sabato decisamente fuori dall’ordinario, un giorno difficile da dimenticare per gli sposi, ma anche per l’intera frazione. Un matrimonio degno, verrebbe da pensare, di quelli reali. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

CAMMINATA (CASALMAGGIORE) – Federica Stabili e Alessandro Lodi Rizzini: col numero 13 e l’indicazione “A perfect match”. Ma fosse solo per le particolarissime magliette da calcio consegnate agli ospiti, col 13 a indicare la data di sabato e i colori del Parma e del Mantova, a ricordare la fede calcistica dei due sposi (lei tifa per i ducali, lui per i virgiliani) saremmo ancora nel campo dell’evento singolare ma tutto sommato anche di una estrosa normalità.

A rendere invece eccezionale il matrimonio tra Federica e Alessandro è il fatto che per la prima volta, in pratica, un’intera frazione, quella casalese di Camminata (poco meno di 100 anime), è stata chiusa al traffico e quasi blindata. Ha fatto le cose in grande, insomma, la famiglia Stabili per la secondogenita Federica, ottenendo il permesso dal comune, mediante ordinanza sindacale, di bloccare il traffico della strada principale di Camminata – peraltro non troppo intenso specie la domenica – e regalando così una giornata indimenticabile ai due sposi.

La casa dalla quale la sposa è partita si trova a 200 metri dalla piccola chiesa del paese: 200 metri di strada ricoperti da un lungo telo bianco, ai cui lati è stato posto del verde a cura della Floricoltura Salami di Rivarolo Mantovano. Un colpo d’occhio unico, così come unico è stato l’allestimento del minibar di fianco alla chiesa. Così come probabilmente mai visto da queste parti è stato l’affollamento di invitati: 350 in tutto, ma soprattutto due pullman e un centinaio di auto, nel parcheggio appositamente ricavato. In cielo, per immortalare tutto in modo professionale, un drone.

Lo spartito, per il resto, è stato abbastanza classico, come si conviene a un matrimonio tradizionale. La sposa a braccetto col padre e, a tal proposito, dopo l’arrivo in chiesa, chissà cosa sussurra papà Eugenio, imprenditore edile molto noto nel Casalasco nonché sponsor della Vbc Casalmaggiore, al neo marito poco prima della celebrazione nella chiesetta di San Genesio Martire… Un sabato decisamente fuori dall’ordinario, un giorno difficile da dimenticare per gli sposi, ma anche per l’intera frazione. Un matrimonio degno, verrebbe da pensare, di quelli reali, che hanno spopolato negli ultimi anni in Inghilterra, anche se un po’ più rustico e adatto alla nostra terra. Elegante ma per nulla snob: con i migliori auguri di buona vita insieme naturalmente a Federica e Alessandro.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti