Commenta

Truffò l'azienda per cui
lavorava con fatture false:
condanna a 2 anni e 4 mesi

Assieme al commercialista Corrado Fedrizzi e alla ex compagna Francesca Fusari avrebbe prodotto un giro di fatture inesistenti per arrivare ad un guadagno di centinaia di migliaia di euro in realtà spettanti alla Ballarini, della quale era dipendente.

RIVAROLO MANTOVANO – Vincenzo Poli, 46enne di Bozzolo, è stato condannato a due anni e quattro mesi di reclusione per avere commesso una truffa ai danni della Ballarini Pentole, l’azienda di Rivarolo Mantovano. Assieme al commercialista trentino Corrado Fedrizzi e alla ex compagna Francesca Fusari, ha spiegato l’accusa, avrebbe prodotto un giro di fatture inesistenti per arrivare ad un guadagno di centinaia di migliaia di euro in realtà spettanti alla Ballarini, della quale era dipendente.

La Fusari è stata condannata a un anno di reclusione, per Fedrizzi si è già tenuto un processo a parte. Questa la decisione da parte del giudice del Tribunale di Mantova Enzo Rosina, che ha condannato Poli, il quale era responsabile dell’ufficio logistica e trasporti della Ballarini e al contempo amministratore della Translog srl. Per quasi tre anni (da febbraio 2010 a ottobre 2012) lo stesso ha sovra fatturato le spese di trasporto delle merci della ditta di Rivarolo Mantovano, certificando anche operazioni inesistenti: più di mezzo milione di euro la somma ottenuta in questo modo truffaldino.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti