Commenta

Proposta di Micolo: "Da
Casalmaggiore e dal consiglio
donazione ai paesi ko per maltempo"

Si chiederà al sindaco, alla giunta e ai consiglieri di devolvere il gettone di presenza, senza alcun obbligo ma confidando nella sensibilità degli esponenti politici di Casalmaggiore; poi si troverà un sistema per rimpinguare la donazione.

CASALMAGGIORE – Il comune di Casalmaggiore si mobilita per le zone d’Italia flagellate dal maltempo. Le modalità nel dettaglio ancora non sono note, ma il presidente del consiglio comunale Marco Micolo ha voluto rendere noto tramite stampa, parlandone poi con i rappresentanti dell’organo che governa la città, questa iniziativa.

“L’idea è quella di organizzare una raccolta fondi istituzionale, che verrà proposta alla giunta comunale e poi al consiglio comunale, coinvolgendo dunque, come giusto che sia, maggioranza e minoranze, senza alcuna distinzione – spiega Micolo – affinché si possa dare un segnale concreto, e al di sopra di schieramenti politici, di vicinanza ai territori flagellati dal maltempo. Vogliamo individuare un comune, o un territorio, della regione Veneto e un comune della regione Sicilia, ossia le due zone d’Italia che purtroppo hanno pagato il prezzo più caro al maltempo”.

In primis si chiederà al sindaco, alla giunta e ai consiglieri di devolvere il gettone di presenza, senza alcun obbligo ma confidando nella sensibilità degli esponenti politici di Casalmaggiore; in secondo luogo si troverà un sistema diverso per rimpinguare eventualmente le casse della donazione, anche se come detto la proposta è solo in embrione e si attendono, in questo senso, indicazioni più specifiche. “Ne parleremo in giunta, dapprima, e poi daremo ulteriori dettagli – precisa Micolo – ma al di là delle modalità è fondamentale dare un segnale e fare sentire la vicinanza anche di Casalmaggiore a territori che, nel caso del Veneto, non sono nemmeno così lontani da noi e vivono una realtà, tra fiumi e boschi, non così dissimile dalla nostra”.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti