Commenta

Caos treni, fuori dal
consiglio regionale protesta
di opposizioni e sindaci

Una protesta forte nel giorno in cui in consiglio regionale si è trattato proprio il tema dei trasporti. Ecco le reazioni fuori dall’aula, dove i sindaci del territorio erano presenti durante la seduta, con fascia tricolore al petto. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

MILANO – C’erano le opposizioni consiliari di Regione Lombardia, ma anche i sindaci, amministratori in genere e i comitati ambientalisti: tutti uniti, in primis Pd, Movimento 5 Stelle e Civici, per protestare contro la gestione del servizio ferroviario da parte di Trenord che in particolare nella nostra provincia tocca il livello più alto di disservizio.

Nella foto da sinistra Gori, Comincini e Bonaldi

Si è parlato della Parma-Brescia, della Cremona-Treviglio-Milano, ma anche soprattutto della Mantova-Cremona-Milano, una delle linee che ha subito e subirà ulteriormente il maggiore contraccolpo dalla decisione del nuovo ad di Trenord Piuri di piazzare, al posto di alcuni convogli, bus sostitutivi. Una protesta forte nel giorno in cui in consiglio regionale si è trattato proprio il tema dei trasporti. Ecco le reazioni fuori dall’aula, dove i sindaci del territorio erano presenti durante la seduta, con fascia tricolore al petto.

G.G. 

© Riproduzione riservata
Commenti