Commenta

"La mia mamma, la mia forza":
addio a Rina Schiroli, il ricordo
del figlio Andrea Devicenzi

I funerali di Rina, a cura delle Onoranze Funebri Mantovani, si svolgeranno giovedì mattina alle 9.30 alla chiesa parrocchiale di Martignana di Po. La salma arriverà in chiesa dall’abitazione di via Caravaggio.

MARTIGNANA DI PO – “Il mio ricordo di mia madre vuole essere un tributo a lei e a tutte le mamme del mondo”. Andrea Devicenzi, l’uomo delle mille imprese, è forte nel pensiero che va a Rina Schiroli, la sua mamma, scomparsa a 70 anni nella notte tra lunedì e martedì all’Ospedale Maggiore di Cremona. La donna, di professione sarta alla Max Mara di Casalmaggiore prima di andare in pensione e casalinga da sempre, perché impegnata a fare crescere la sua famiglia – prima i figli, poi i nipotini – , era malata da tempo, in estate sembrava avere dato qualche segnale incoraggiante, ma poi si è spenta.

A piangerla con Andrea sono il marito Giuseppe, l’altra figlia Katuscia, la nuora Jessica, il genero Fabio, i nipoti Giulia, Maikol e Noemi, la sorella Doris e i parenti. E Andrea di lei ricorda l’esempio, offerto sempre con i fatti e non solo a parole. “Come famiglia abbiamo passato momenti anche difficili, come tutte le famiglie del resto, ma lei è sempre stata una roccia – spiega Andrea – . Per questo voglio dirle grazie: era sempre presente, nonostante il lavoro, nonostante le mille cose quotidiane da fare. Nel suo essere semplice è sempre stata una mamma speciale. Ricordo il mio incidente, a 17 anni, quando mi amputarono la gamba: di sicuro avrà pianto, perché per una mamma è un grande dolore, ma da me non si fece mai vedere una sola volta in lacrime. La forza che ho dentro l’ho presa dai miei genitori, e in un certo senso mia mamma è stata anche più forte di me: quando mia figlia, pochi anni fa, si era rotta tibia e perone della gamba, io non sono riuscito a trattenere le lacrime, lei invece all’epoca ce l’aveva fatta. E’ solo un piccolo esempio, ma è dagli esempi che si prende forza”.

Il messaggio di Andrea si rivolge a tutti quelli che a volte dimenticano l’importanza dei genitori. “Ci accorgiamo di loro quando mancano: come famiglia noi abbiamo perso una colonna, ma quello che abbiamo vissuto deve essere un monito a tenerci stretti gli affetti e la famiglia, perché qui siamo comunque in prestito. Vorrei che il ricordo di mia mamma fosse davvero un tributo a tutte le mamme, e a tutti i genitori, del mondo: non diamoli mai per scontati. Nel caso di mia madre era impossibile farlo, perché c’è sempre stata, anche nelle ultime imprese, incoraggiandomi e dandomi forza ulteriore”.

I funerali di Rina, a cura delle Onoranze Funebri Mantovani, si svolgeranno giovedì mattina alle 9.30 alla chiesa parrocchiale di Martignana di Po. La salma arriverà in chiesa dall’abitazione di via Caravaggio, dopo di che verrà portata al forno crematorio di Mantova. La famiglia Devicenzi-Schiroli ringrazia la dottoressa Elisa Schiroli per l’assistenza e le cure prestate e invita a devolvere eventuali offerte alla parrocchia di Martignana di Po.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti