Commenta

GAL Terre del Po, arrivano
i bandi: sono 7, per 13 azioni.
3.110.000 euro sui territori

Il GAL TERRE DEL PO, oltre a ricevere i progetti dei possibili beneficiari, continuerà la produzione di bandi, sino ad arrivare a mettere a bando il 100% delle risorse a disposizione nel corso del 2019

Il GAL TERRE DEL PO, ente di promozione del territorio, nasce dalla scissione del precedente GAL OGLIO PO e dalla fusione col già esistente GAL OLTREPÒ. Nel corso del 2018 è stato istituito l’apparato tecnico, con l’assunzione del direttore Fabio Araldi e dei due coordinatori del territorio (Chiara Casali a Rivarolo Mantovano e Alessandro Moretti a Quistello). La seconda parte dell’anno corrente ha visto pertanto lo sviluppo del GAL che ha così potuto attuare il proprio Piano di Sviluppo Locale.

Ultimi eventi – Nel corso della settimana appena trascorsa il GAL TERRE DEL PO ha visto l’approvazione di 7 bandi da parte di Regione Lombardia. Si tratta di un totale di 13 azioni destinate ai progetti dei beneficiari. Il contributo totale pubblico messo a bando corrisponde pertanto ad un totale di 3 milioni e 110mila euro, corrispondente al 59,2% del contributo complessivo a disposizione del GAL.

I bandi – Tre gli ambiti diversi. Due bandi sono indirizzati a progetti per la promozione e la valorizzazione della filiera corta (bandi 3.2.01 e 4.2.01); tre riguardano incentivi per lo sviluppo di servizi in favore della popolazione rurale e delle imprese (bandi 7.4.01 ambito 1, 2 e 3); due, infine, hanno l’obiettivo di finanziare lo sviluppo di infrastrutture e di servizi turistici locali (bandi 7.5.01 ambito 1 e ambito 2).

Il futuro – Il GAL TERRE DEL PO, oltre a ricevere i progetti dei possibili beneficiari, continuerà la produzione di bandi, sino ad arrivare a mettere a bando il 100% delle risorse a disposizione nel corso del 2019. Sono inoltre previsti due eventi pubblici: l’assemblea a Casalmaggiore del prossimo 5 dicembre e quella a Quistello del prossimo 7 dicembre. Nell’occasione si entrerà maggiormente nello specifico presentando a tutti gli interessanti le modalità di accesso al credito, la percentuale di contributo e i tempi tecnici.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti