Commenta

Annuncio di Toninelli su Facebook:
"In legge di Bilancio 250 milioni di
euro in cinque anni per i ponti"

La notizia riveste grande interesse per la situazione del ponte di Casalmaggiore. Ma non si tratta dell’unico ponte che necessita di manutenzione sul territorio, tenendo conto della situazione a San Daniele Po, Viadana e Dosolo.
Nella foto Toninelli durante un recente incontro con i sindaci Oglio Po

ROMA – La notizia giunge direttamente dalla pagina Facebook del Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. “Lo avevamo promesso e l’abbiamo fatto: in legge di Bilancio abbiamo inserito, durante l’esame in commissione alla Camera, una norma che stanzia le prime risorse necessarie per mettere in sicurezza i ponti sul Po che sono in condizioni di degrado. Parliamo di 250 milioni di euro in cinque anni, 50 milioni l’anno, da ripartire tra città metropolitane, Province e Anas per la manutenzione dei ponti esistenti e malandati e la realizzazione di nuovi ponti sostitutivi”.

“Ora sta al Parlamento, nei prossimi passaggi della Manovra – spiega sempre il Ministro – voler confermare questa importantissima misura, necessaria per una delle nostre priorità: mettere in sicurezza le infrastrutture che collegano i territori bagnati dai circa 650 km di lunghezza del fiume Po. La manutenzione dell’esistente è la prima grande opera di cui il Paese ha bisogno, la nostra, la mia parola d’ordine. E continueremo a lavorare per questo obiettivo”. La notizia riveste grande interesse per la situazione del ponte di Casalmaggiore. Ma non si tratta dell’unico ponte che necessita di manutenzione sul territorio, tenendo conto della situazione a San Daniele Po, Viadana e Dosolo. La Manovra prende in esame tutti i ponti sul Po.

Nell’incontro con i sindaci del comprensorio Oglio Po del 26 novembre, Toninelli aveva parlato di 100 milioni di euro da inserire. La cifra dovrebbe dunque essere più consistente, se tutto verrà confermato nei passaggi successivi, anche se spalmata su più anni (cinque anziché uno solo in via emergenziale). Intanto, a proposito di ponti, è attesa tra il Casalasco e la Bassa Parmense per la sentenza del Tar di Parma sulla sospensiva richiesta dalla ditta Edil 2000 in merito al bando di assegnazione lavori del ponte. La Provincia di Parma, difesa dall’avvocato parmigiano Paolo Michiara, ha spiegato di essere pronta a partire con i lavori di sistemazione del manufatto, qualora il Tar respinga la richiesta di sospensiva. La discussione è mercoledì, ma la sentenza, in ogni caso, dovrebbe uscire soltanto giovedì o al più tardi venerdì.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti