Commenta

La Marconi ai Regionali di scacchi:
un progetto partito da Inventio
con scacchiere donate da Afm

Nel dettaglio, e andando con ordine, gli studenti della 5° B della Marconi avevano partecipato all’evento “Giocomotricità su scacchiera gigante” e avevano raccolto la sfida lanciata dal candidato Maestro Stefano La Venia.

CASALMAGGIORE – Gli scacchi a scuola, e Casalmaggiore con la 5° B della elementare Marconi direttamente alla fase Regionale. Un progetto partito dalla Festa della Zucca dello scorso settembre, con la costola Inventio che ha dato frutti, eccome. Una delle maestre, Teresa Prestileo, che assieme a Ilaria Romagnoli ha curato questa iniziativa, vide durante la manifestazione in piazza Garibaldi a Casalmaggiore queste scacchiere e invitò la classe a partecipare, perché “matematica, logica e strategia sono stretti parenti tra di loro e dunque gli scacchi potevano essere per certi versi un metodo di insegnamento alternativo”.

Logica, matematica, strategia, risoluzione dei problemi: quale altra disciplina, se non gli scacchi, può racchiudere e condensare tutto questo? Ecco allora che gli scacchi sono entrati a scuola, quasi come una materia di studio: la fase due, però, presentata sabato mattina alla Marconi alla presenza anche dalla dirigente Cinzia Dall’Asta e di Achille Scaravonati per gli Amici di Casalmaggiore, ideatori della Festa della Zucca e poi di Inventio, prevede un passaggio successivo. E un contributo fattivo dell’Azienda Farmaceutica Municipale, che – presente col presidente Marco Ponticelli e parte del Cda – ha deciso di finanziare l’acquisto di 15 scacchiere.

Il progetto nasce da Inventio ma ora rimane a scuola, ha spiegato Scaravonati, e potrà essere ereditato da chi verrà dopo questi ragazzi. Che intanto hanno una grossa opportunità offerta proprio dai Campionati Studenteschi Regionali, come ha spiegato Prestileo. “Parteciperemo direttamente ai Regionali unendoci a Mantova, perché a Cremona non abbiamo gruppi di scacchi e dunque non abbiamo una fase Provinciale. Sappiamo che i genitori ci sosterranno e noi creeremo piccoli gruppi in modo da consentire la partecipazione a un numero ampio di ragazzini”.

Nel dettaglio, e andando con ordine, gli studenti della 5° B della Marconi avevano partecipato all’evento “Giocomotricità su scacchiera gigante” e avevano raccolto la sfida lanciata dal candidato Maestro Stefano La Venia, presente a settembre a Casalmaggiore. Da qui la decisione di acquistare le scacchiere, col contributo indispensabile di AFM, e un primo passo in questo nuovo mondo, che per la scuola casalese rappresenta una novità, capace di stimolare il sale in zucca. Proprio come si propone, da ormai tre anni a questa parte, Inventio. Per la soddisfazione dei suoi ideatori, che vedono realizzata la simbiosi col tessuto connettivo del territorio.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti