Cronaca
Commenta

Buchi pomeridiani nel servizio ferroviario su Bozzolo: "Trenord taglia il 45% del servizio da noi"

“Se la matematica non è un’opinione - spiega il sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio - abbiamo subito un taglio del triplo rispetto alle risorse assegnate e di quasi la metà dell’intera Regione”.

BOZZOLO – “Non penso sia un dato ideologico ma una semplice realtà”: il commento polemico del sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio si riferisce ai tagli di Trenord che, stando a un calcolo recente, si concentrano per il 45% sulle province di Brescia, Cremona e Mantova. Di fatto 950mila chilometri su un totale di 2.1 milioni che hanno subito tagli al trasporto ferroviario, si trovano in queste tre province. Inoltre tali province ricevono dalla Regione solo il 15% dei fondi destinati al trasporto pubblico locale. “Se la matematica non è un’opinione – spiega Torchio – abbiamo subito un taglio del triplo rispetto alle risorse assegnate e di quasi la metà dell’intera Regione”.

“Sosteniamo l’appello lanciato da Giuseppe Torchio e sottoscritto da numerosi amministratori di diverso schieramento politico in relazione ai pesanti “buchi pomeridiani” nell’orario dei treni che mettono in  grave difficoltà i nostri studenti – aggiunge Marco Carra della segreteria regionale del Pd – . Il carattere trasversale dei sindaci che si stanno battendo significa che il problema non ha alcuna matrice politica, ma è la semplice constatazione di una realtà che penalizza ulteriormente i territori del sud della Lombardia. Stiamo parlando di esigenze reali che riguardano studenti e famiglie, ecco perchè è fondamentale che regione Lombardia e Trenord diano retta a queste preoccupazioni  mettendo a disposizione le risorse necessarie per risolvere i problemi”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti