Commenta

Dal Morbasco al Po,
Casalasco fa la parte del leone:
tutti gli interventi in provincia

Nel complesso di parla di 589.583 euro, ma va detto che l’investimento Casalasco è, in rapporto anche alla grandezza territoriale, il più cospicuo ed esteso. Qui infatti la spesa è di oltre 252mila euro.

CASALMAGGIORE – E’ di 252.413 euro il costo dell’intervento che riguarda il territorio casalasco, in particolare per i comuni di Casalmaggiore, Gussola, Martignana di Po e Torricella del Pizzo, nell’ottica della riqualificazione del corridoio e della connessione ecologica dal Morbasco al Po. Un progetto diviso in tre parti a livello geografico e prima di tutto di competenze, la prima che ha come capofila il comune di Cremona, la seconda invece collegata alla Provincia di Cremona e la terza appunto che fa riferimento a Casalmaggiore. Nel complesso si parla di 589.583 euro, ma va detto che l’investimento Casalasco è, in rapporto anche alla grandezza territoriale, il più cospicuo ed esteso.

Di questo piano si parla ormai da un paio di anni, da quando Fondazione Cariplo con il bando sull’Ambiente 2016 cofinanziò il tutto per migliorare e rafforzare la matrice ambientale del territorio golenale e fluviale. Ora la delibera all’albo pretorio del comune di Casalmaggiore consente di entrare maggiormente nel dettaglio. Per questo concerne la parte affidata alla stazione appaltante di Cremona gli investimenti sono di 274.599 euro, la maggior parte dei quali, oltre 90mila euro, riservati alla Lanca Bosconello. Seguono, come importanza di investimento, l’Ex Polveriera e Cà Rossa a Pieve d’Olmi, mentre una nota particolare merita l’Acquario del Po e il Bodrio, entrambi a Motta Baluffi, in territorio dunque casalasco ma che fanno riferimento al comune di Cremona come stazione appaltante in questo caso.

Gli interventi della Provincia, che si spingono fino a Sesto e a Montodine con Cascina Saragozza, hanno un costo totale di 62.569 euro, mentre su Casalmaggiore e il Casalasco, come detto, la spesa è di oltre 252mila euro. Le Lanche di Santa Maria, in particolare, verranno riqualificate con operazioni dal costo di 94.561 euro, il Bosco perifluviale di Torricella del Pizzo porta a un investimento di 64.236 euro, l’ex Cava Gerre a Martignana invece verrà risistemata per 28.044 euro, mentre il Bosco Maria Luigia a Gussola impone nel progetto lavori per poco più di 20mila euro. Nel Casalasco le operazioni saranno eseguite dal Consorzio Forestale Padano, che ha sede a Casalmaggiore.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti