Commenta

Pauroso schianto a Rivarolo
del Re, gravi tre bambini,
rianimato il più piccolo

RIVAROLO DEL RE – Tre bambini, uno di 10 mesi, uno di 7 anni e una bambina di 10 anni sono rimasti gravemente feriti nel terribile incidente verificatosi nel primo pomeriggio a Rivarolo del Re, dove due auto si sono scontrate e una ha terminato la sua corsa ribaltata nel fossato a bordo strada.

L’auto, una Fiat Punto, avrebbe cercato di attraversare la provinciale 42, proveniente da strada Pacifico (Breda Azzolini) verso via Balilla non avvedendosi del contemporaneo sopraggiungere, proveniente da Villanova in direzione incrocio Consorzio del Pomodoro (forse complice l’abbaglio del sole), di una Renault Captive condotta da una donna di Casteldidone.

L’impatto è stato molto violento. La Punto è stata sbalzata nel fosso attiguo alla via Balilla, ribaltandosi.

Sul posto è giunta una volante della Polstrada di Casalmaggiore (che poi ha eseguito i rilievi) ed i Carabinieri di Rivarolo del Re e di Casalmaggiore che hanno da subito bloccato la provinciale all’altezza del primo svincolo per Rivarolo da una parte e dell’incrocio del Consorzio dall’altra. Sul posto sono giunti anche i vigili del fuoco, oltre alle ambulanze della Croce Verde di Bozzolo e della Padana Soccorso di San Giovanni in Croce. Sul posto anche l’automedica del 118.

Le condizioni dei bambini sono apparse subito gravi, tanto che sono stati immediatamente allertati gli elicotteri, giunti dall’ospedale di Verona, di Bergamo e di Milano. Il bimbo più piccolo, di appena 10 mesi, è stato rianimato sul posto mentre il piccolo di 7 – incosciente – è stato intubato. La più grande ha subito un forte trauma facciale. Tutti e tre i piccoli sono stati trasportati nei rispettivi ospedali di riferimento degli elicotteri, tutti in codice rosso.

Ferita in maniera più lieve la madre dei bambini, tutti di origine indiana, che era al volante e che è stata trasportata presso l’ospedale di Cremona, mentre l’altra conducente è rimasta ferita in modo lieve ed è stata portata all’Oglio Po.

N.C.

 

© Riproduzione riservata
Commenti