Commenta

Canneto, task force all'opera
contro i rifiuti abbandonati:
si cercano altri volontari

Di eventi spot ce ne sono alcuni, di gruppi che lo fanno con periodicità molti meno. C'è un altro gruppo che si occupa del Chiese ad Asola (ce ne occuperemo nei prossimi giorni) ed il neonato gruppo di Martignana Po

CANNETO SULL’OGLIO – L’impegno se lo sono presi dal dicembre dello scorso anno. Stanchi di vedere rifiuti sparsi nei fossi e per i campi. A novembre aveva iniziato Francesco Mauroner, in solitaria. Non hanno trovato ancora molta solidarietà – altri volontari come loro – ma magari parlarne serve a risvegliare un poco di senso civico. “Con altre persone potremmo fare di più”.

Francesco Mauroner da Canneto è uno di quelli che si è preso l’impegno periodicamente di portare via un po’ di rifiuti. L’ultimo intervento sabato, nell’area che va da Canneto sull’Oglio a Sorbara. Erano in tre la mattina, lui e gli amici Massimo Volpi e Paolo Casnici. Nel pomeriggio poi si sono aggiunti altri volontari, Davide Bolognini e Davide Morbi. L’automobile di uno dei volontari è stata usata come mezzo su cui caricare secchi, pinze telescopiche, guanti, rotoli di sacchi dello sporco e come mezzo per gli spostamenti.

In accordo con gli stradini, sono stati lasciati i sacchi di rifiuti in alcuni punti visibili lungo la strada, in modo che il lunedì vengano poi recuperati e portati in discarica.

Di eventi spot ce ne sono alcuni, di gruppi che lo fanno con periodicità molti meno. C’è un altro gruppo che si occupa del Chiese ad Asola (ce ne occuperemo nei prossimi giorni) ed il neonato gruppo di Martignana Po.

“Troviamo di tutto – ci racconta Francesco – scarpe, vestiti, bottiglie, plastica. Ce ne sono tanti di rifiuti in giro. Quando abbiamo qualche ora ci organizziamo ed andiamo. Fossi, bordo strada, campi. Certo ci fosse qualcuno in più potremmo coprire più zone. Più si è più si riesce a fare”.

In questi mesi hanno fotografato il ‘frutto’ del loro lavoro silenzioso. C’è davvero di tutto. Contro la stupidità umana la battaglia è ciclopica. Ma ci sono ragazzi (anche se non tutti anagraficamente come nel caso di Canneto, ma sempre nello spirito) che hanno deciso di fare qualcosa. Qualcosa per l’ambiente. Martignana, Canneto, Asola. C’è ancora chi lotta per un futuro migliore e più pulito.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti