Commenta

Carnevale: Roncadello
e Cicognara come sempre patria
di fantasia, divertimento e goliardia

Ottimo successo ottenuto anche dalle “cucine” che si sono dilettate nelle preparazioni del tipico gnocco fritto con salume e della polenta fritta zuccherata, lasciando da parte per un pomeriggio la paura del colesterolo. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

RONCADELLO/CICOGNARA – Se hai tra i cinque e i dodici anni e hai nel tuo zainetto d’assalto coriandoli a non finire, bombolette di schiuma o nastrini colorati è sicuramente perché il carnevale è alle porte e se sei quel bambino con quell’ arsenale poco importa se lo festeggi a Roncadello o a Venezia, Cicognara con i suoi carri allegorici agli occhi di un bambino non ha differenze con Viareggio.

Fatto sta i due paesi domenica 3 Marzo sono stati invasi da ciurme di bambini con i più svariati travestimenti che hanno rincorso, giocato, urlato e ahimè pianto al pronunciare “dai adesso andiamo a casa” da parte dei genitori. Carri allegorici addobbati secondo i trend del momento quali “la casa di carta” (serie tv spagnola record di ascolti), un improbabile Bob Marley con tanto di “fiaccola” decorativa e carri ispirati ai cartoni animati dei più piccoli.

Ottimo successo ottenuto anche dalle “cucine” che si sono dilettate nelle preparazioni del tipico gnocco fritto con salume e della polenta fritta zuccherata, lasciando da parte per un pomeriggio la paura del colesterolo, il tutto chiedendo solamente una offerta gratuita simbolica.

I carri allegorici si sposteranno poi nel pomeriggio del 5 marzo nel comune di Viadana, scortati come ogni anno dai vigili urbani, a loro l’arduo compito di dirigere gli spostamenti per i circa 5 chilometri che divide i paesi. Insomma lo spirito carnevalesco, lo stare insieme, giocare e uscire lasciando da parte giochi elettronici e dando spazio alle relazioni umane assume sempre un significato profondo quando siamo noi adulti a dover prendere esempio dai più piccoli, poco importa se Roncadello non è Venezia e Cicognara non è Viareggio.

Mattia Ternardi

© Riproduzione riservata
Commenti