Commenta

Bonus bebè, Piloni accusa
la Regione. "Così discrimina
chi abita in Lombardia"

"Tanta ostinazione dimostra, ancora una volta, come la giunta leghista governi in uno stato di campagna elettorale permanente, basata su pochi slogan populisti, che ignora persino il buon senso".

MILANO – “La giunta leghista si ostina a discriminare chi vive in Lombardia e ricorre in Cassazione contro la sentenza della Corte d’appello di Milano” accusa Matteo Piloni, consigliere del Pd dopo l’annuncio, martedì in aula, rispondendo a un’interrogazione presentata dal gruppo consiliare del Partito Democratico, dell’assessore alle Politiche per la famiglia Silvia Piani.

“La Corte d’Appello di Milano – spiega Matteo Piloni – il 27 febbraio scorso, ha dichiarato discriminatoria  la delibera del 2015 che stabiliva che per accedere al bonus bebè era necessario  per entrambi i genitori essere residenti in Lombardia da almeno cinque anni consecutivi. Un provvedimento evidentemente discriminatorio, in palese contrasto con i dettati dalla Corte costituzionale, che la maggioranza leghista però si ostina a sostenere in nome di un’ideologia che considera lombardi solo alcuni e ignora invece i tantissimi che provenendo da altre regioni o da altri Paesi contribuiscono in modo altrettanto significativo alla  sua crescita e hanno gli stessi diritti. Il ricorso in Cassazione della Regione è uno schiaffo a tutti loro.  Tanta ostinazione dimostra, ancora una volta, come la giunta leghista governi in uno stato di campagna elettorale permanente, basata su pochi slogan populisti,  che ignora persino il buon senso e ha effetti negativi su tutti quelli che vivono in Lombardia”.

“L’ostinazione della Regione – conclude Piloni – con la sentenza della Corte che ha ordinato di modificare la delibera e riaprire i bandi, rischia di mettere in seria difficoltà anche chi aveva fatto affidamento su quel bonus e che ora lo vede di nuovo messo in discussione. Oltre a comportare spese legali, con uno spreco di risorse che dovrebbero invece essere utilizzate per garantire a tutte le donne e a tutte le famiglie che risiedono in Lombardia , l’accesso a interventi economici di sostegno alla maternità, senza nessuna discriminazione”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti