Commenta

Viadana, M5S boccia
in consiglio il bilancio: "Troppi
ritardi pur con qualche buona idea"

"Non ci spieghiamo le motivazioni con cui viene posticipato al 2020 il pagamento delle rate di mutui in essere di competenza 2019 per circa 1.300.000 €, utilizzando le risorse per estinguere anticipatamente altri mutui, ma andando ad appesantire il prossimo bilancio".
Nella foto Teveri e Foti, consiglieri 5 Stelle

VIADANA – Il M5S di Viadana ha ribadito, nel consiglio comunale di venerdì 29 marzo, la sua posizione contraria riguardo al DUP ed al Bilancio di Previsione per il triennio 2019-2021. “Pur apprezzando l’attività del nuovo gestore della raccolta rifiuti – ha spiegato il consigliere Monica Susy Foti – e valutando positivamente l’adozione del sistema premiante perché incentiva un conferimento più attento e consapevole, purtroppo, ancora una volta, dobbiamo rilevare che i tempi indicati in origine dal nuovo gestore per l’attuazione di quanto previsto dal contratto si sono dilatati ben oltre l’accettabile”.

“Riguardo all’esame del Dup e del Bilancio – spiega Foti – lamentiamo l’assoluta mancanza di confronto che abbiamo avuto nella capigruppo, ove non ci è stato possibile avere spiegazioni in merito ai tagli operati nelle spese correnti. Solo durante la discussione in aula siamo riusciti ad avere alcuni chiarimenti. Rileviamo l’ormai consistente slittamento dei tempi di realizzazione del Palasport, che ci rende sempre di più scettici sull’effettivo rispetto del cronoprogramma stabilito. Non ci spieghiamo le motivazioni con cui viene posticipato al 2020 il pagamento delle rate di mutui in essere di competenza 2019 per circa 1.300.000 €, utilizzando le risorse per estinguere anticipatamente altri  mutui, ma andando ulteriormente ad appesantire il bilancio del prossimo anno”.

“Tra le opere previste, nel Dup si fa riferimento – conclude Foti – alla sistemazione di Via Pangona, utilizzando l’importo della  escussione della fidejussione, mentre non si cita l’annosa questione di Cava Caselli e non vengono forniti  aggiornamenti sulla situazione, dopo la sentenza di condanna del gennaio 2018. Altra notizia che ci ha non favorevolmente colpito, è stata la richiesta di proroga, da parte della ASST, riguardo alla realizzazione del POT: i tempi si stanno “dilatando” di continuo e non vorremmo che le certezze originarie culminassero in un risultato deludente per cittadini. Per queste ragioni, abbiamo confermato il nostro parere negativo riguardo alla gestione finanziaria complessiva del Comune”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti