Commenta

Campo 'Sucar Plaza', rimozione
costruzioni abusive. Ferroni: "Siamo
soddisfatti, era una nostra battaglia"

Siamo stanchi di vedere il nostro territorio abbandonato. Un territorio che va gestito in termini di scelte e in cui nessuno deve subire. Questa ordinanza ci soddisfa ed abbiamo deciso di renderla pubblica, proprio perché noi Casalmaggiore ce l'abbiamo nel cuore

CASALMAGGIORE – Scadono in questi giorni i 3 mesi di tempo dati ai residenti del villaggio d’accoglienza ‘Sucar Plaza’ dall’ordinanza (n°6 del 15 gennaio 2019) di ripristino dello stato originario del campo con la rimozione delle strutture precarie edificate e presenti in loco.

“Tenuto conto – si legge nell’ordinanza – sia l’autorizzazione paesaggistica (dicembre 2018) che il conseguente permesso di costruire in Sanatoria n. 149/2016 risultano inerenti esclusivamente le strutture contrassegnate nella planimetria allegata agli atti con i numeri 6, 7, 8, 9, 13 e considerato pertanto che le strutture precarie contrassegnata nella planimetria con i numeri 1, 2, 3, 4, 5, 10, 11, 12, 14 debbano essere interessati dalla completa demolizione, ovvero alla rimozione, al fine di giungere alla messa in pristino dell’originario stato dei luoghi ordina, entro 90 giorni la demolizione, ovvero la rimozione di tutte le strutture precarie”.

A rendere nota la vicenda e la sua conclusione in questi giorni Fabio Ferroni a nome del gruppo ‘Casalmaggiore per la Libertà’ che del ripristino dell’ordine nel campo nomadi aveva fatto da tempo una battaglia politica. “Siamo soddisfatti per la conclusione di questa battaglia – ha spiegato Ferroni – e parlo a nome mio, di mio fratello e del gruppo. Questa è la dimostrazione che anche un gruppo che non ha alcun potere ed attento al territorio può fare la differenza. Avevamo segnalato la questione da tempo, ci abbiamo lavorato. Siamo stanchi di vedere il nostro territorio sempre più abbandonato. Un territorio che va gestito in termini di scelte e in cui nessuno deve subire. Questa ordinanza ci soddisfa ed abbiamo deciso in questi giorni di renderla pubblica, proprio perché noi Casalmaggiore ce l’abbiamo nel cuore”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti