Commenta

Casalmaggiore, da sei a tre:
il "triello" per il comune. Stasera
il dibattito tv su Cremona 1

Come noto, al voto si andrà il 26 maggio, mentre martedì 21 maggio all'interno di una puntata speciale de "La Piazza" la tv Cremona 1 (canale 211 del digitale terrestre oppure www.cremona1.it, ma anche in streaming su OglioPoNews) promuoverà un confronto tra i candidati sindaco.

CASALMAGGIORE – Ormai ci siamo, e anche Cremona 1 partecipa alla corsa elettorale di Casalmaggiore con una puntata speciale de “La Piazza” (canale 211 del digitale terrestre oppure www.cremona1.it, ma anche in streaming su OglioPoNews), il talk condotto da Giovanni Palisto e ideato dal direttore della tv Mario Silla, che proprio questa sera, martedì, a partire dalle ore 21 ospiterà i tre candidati sindaco di Casalmaggiore. La competizione elettorale a Casalmaggiore perde tre sfidanti rispetto al 2014 quando si presentarono in sei, ma si prepara, probabilmente, ancora una volta al ballottaggio. Il 26 maggio 2019, difficilmente, sarà infatti decisivo per assegnare la poltrona di primo cittadino e rinnovare il consiglio comunale, a meno che uno tra Filippo Bongiovanni, sindaco uscente, Fabrizio Vappina e Orlando Ferroni non compia un vero e proprio exploit ad oggi imprevisto, vincendo col 50% più uno dei voti.

Proprio Bongiovanni, Vappina e Ferroni sono in corsa, rappresentando diverse anime politiche. Nel 2014 la situazione era diversa: il Listone correva da solo e non più sostenendo un unico candidato, lo stesso appoggiato anche da Casalmaggiore la Nostra Casa, e c’erano il Movimento 5 Stelle, che stavolta non ha dato indicazioni di voto, ma ha semplicemente indicato 15 punti che il futuro sindaco dovrà sposare, e la Destra Sociale di Luca Storti.

La novità delle ultime ore pre scadenza elettorale è stata quella di Orlando Ferroni, che già si era candidato nel 2009 e ci ha riprovato nel 2014. Ora ecco il suo tris, con una squadra svelata oltre la scadenza di sabato 27 aprile che, sotto il nome di “Casalmaggiore nel Cuore”, non nasconde una spinta verso il centro-destra e, tra gli altri, candida pure il presidente della Fondazione Busi Franco Vacchelli. Filippo Bongiovanni è sostenuto da Casalmaggiore è Viva, che accoglie da quest’anno anche il logo della Lega (cinque anni fa non era così), e da Casalmaggiore al Centro, che guarda alla parte meno a destra del centro-destra. Fabrizio Vappina invece raccoglie i voti dell’area di centro-sinistra con Casalmaggiore la Nostra Casa, e del civismo col Listone.

Se Bongiovanni conferma buona parte della squadra che vinse al ballottaggio cinque anni fa per soli 51 voti (la giunta è praticamente tutta nella due liste, con qualche nome nuovo), Casalmaggiore la Nostra Casa inserisce in lista sia il dna un po’ più estremo di Rive Gauche con Pierluigi Pasotto o Lorenzo Lupoli ad esempio, sia quella cattolico con Francesco Caffelli, una novità, presidente della locale Acli. Il Listone guarda, come ha già fatto negli ultimi anni, ai giovani, candidando la lista con l’età media più bassa e che ha vissuto il maggior rinnovamento, con 8 donne e 8 uomini.

Come noto, al voto si andrà il 26 maggio, e proprio stasera, martedì, Cremona 1 promuove il confronto tra i candidati sindaco: oltre al conduttore Palisto, in studio vi saranno i giornalisti Nazzareno Condina per OgliopoNews e Giovanni Gardani per Cremona 1. Dato che il comune casalese supera i 15mila abitanti, ecco che è molto probabile che soltanto due settimane dopo, domenica 9 giugno, si decida tutto al ballottaggio tra i due candidati più votati, come già era accaduto nel 2014. Curiosità finale: il sorteggio della scheda elettorale posiziona Bongiovanni nel primo slot con Casalmaggiore al Centro sulla sinistra e a sulla destra Casalmaggiore è viva; Vappina è nel secondo slot con Casalmaggiore la Nostra Casa sulla sinistra e Il Listone sulla destra; Ferroni nel terzo slot con l’unica lista Casalmaggiore nel Cuore.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti