Commenta

Sabbioneta grazie ai ragazzi
delle scuole è sempre
più "Stella del Principe"

Un progetto che si caratterizza per cooperazione (fra alunni e docenti, fra docenti di ordini diversi di scuole) e interdisciplinarietà tra le diverse aree del sapere con l’utilizzo di più linguaggi espressivi. GUARDA IL SERVIZI TG DI CREMONA 1

SABBIONETA – A Sabbioneta, palazzi, piazze, personaggi celebri, artisti, storie, incontri, divertimenti, sono stati animati e rievocati nella mattinata di venerdì 17 maggio nel modo che solo i bambini e i ragazzi sanno interpretare con le loro parole, i loro gesti e con la loro creatività: ossia col progetto didattico dell’IC Sabbioneta “Stella del Principe” che da più di dieci anni viene proposto e arricchito.

La preparazione della manifestazione ha coinvolto attivamente i bambini delle scuole dell’infanzia di Gazzuolo, Breda Cisoni e Sabbioneta, le classi quinte delle scuole primarie di Belforte, Commessaggio e Sabbioneta, le classi seconde della scuola secondaria di primo grado di Gazzuolo e tutte le classi della scuola secondaria di primo grado di Sabbioneta. Il compito dei docenti è stato quello di attivare percorsi formativi di approfondimento su Sabbioneta e su Vespasiano Gonzaga, di partecipare ad altri proposti dalla didattica UNESCO (per le scuole secondarie) e dalla Pro Loco di Sabbioneta ma soprattutto di collaborare con gli alunni nell’ideare, progettare e realizzare le performance in cui sperimentare più di una possibilità comunicativo-espressiva. Un progetto che si caratterizza per cooperazione (fra alunni e docenti, fra docenti di ordini diversi di scuole) e interdisciplinarietà tra le diverse aree del sapere con l’utilizzo di più linguaggi espressivi.

Il programma ha spaziato da Palazzo Giardino con la Dea Atena a fare da guida fino alla Galleria degli Antichi; Palazzo Ducale, con il Tg Unesco che ha intervistato Vespasiano Gonzaga e la seconda moglie Anna d’Aragona, scherzosamente stanchi di mangiare polvere per i lavori di ristrutturazione; Teatro all’Antica con lo spettacolo “Backstage”, performance metateatrale di preparazione dello spettacolo stesso che ha raccontato gli studenti; Chiesa dell’Assunta e Chiesa dell’Incoronata, con studenti guide per visite che partono da scenette molto quotidiane, come una partita di briscola, e coinvolgono poi i grandi della storia di Sabbioneta; e ancora Museo Parrocchiale, Sinagoga, Giardino della Biblioteca di Palazzo Forti, con il viaggio di Enea, e lo Spazio Miti davanti a scuola, riportando la storia delle dodici divinità raffigurate a Palazzo Giardino. Senza dimenticare racconti animati sbandieratori e tamburini, i giochi da strada come Memory e Canestro pong, il cruciverbone e le ricette dei Gonzaga. Per fare sentire sempre più viva e attuale l’arte e la storia della Piccola Atene sfruttando le diverse conoscenze in differenti settori.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti