Cronaca
Commenta

Lunedì da incubo per i pendolari: ritardi fino a 50 minuti sulla Mi-Cr-Mn

Sembrerebbe, secondo quanto testimoniato da aluni pendolari presenti, che il disservizio in questo casi sia stato legato all’attesa di un treno dedicato ai 10 anni dell’alta velocità, che tardava a partire.

Mentre dalla Regione Lombardia e da Trenord arrivano rassicurazioni sulla situazione futura delle linee ferroviarie lombarde, lungo le stesse linee continuano imperterriti i disagi, a discapito delle migliaia di pendolari che ogni giorno intraprendono il viaggio tra Cremona e Milano. Così nella serata di lunedì la giornata si appresta a chiudersi nel peggiore dei modi, con un ritardo di ben 48 minuti per il Codogno-Cremona delle 17.12, mentre i passeggeri del convoglio più frequentato dai viaggiatori di ritorno sotto il Torrazzo, il Milano-Cremona-Mantova delle 18.20, sono rimasti per quasi mezz’ora a morire di caldo sul treno spento, senza avere informazioni certe sulle motivazioni del ritardo, che non è neppure stato segnalato sul sito di Trenord. Sembrerebbe, secondo quanto testimoniato da aluni pendolari presenti, che il disservizio in questo casi sia stato legato all’attesa di un treno dedicato ai 10 anni dell’alta velocità, che tardava a partire.

lb

© Riproduzione riservata
Commenti