Commenta

Casalmaggiore, è il giorno del
ballottaggio: sfida tra Bongiovanni
e Vappina per il comune

Intanto Cremona 1 (canale 211 del digitale terrestre oppure in streaming su Oglio Po News), come già aveva fatto al primo turno, dalle 22.30 di domenica fino alla proclamazione del vincitore seguirà in diretta lo spoglio passo dopo passo.

CASALMAGGIORE – All’insegna del fair play fino allo scorso 26 maggio, giorno del voto al primo turno, la campagna elettorale a Casalmaggiore si è scaldata parecchio nelle ultime due settimane, quelle che hanno condotto al ballottaggio di domenica. Così, ecco che da ambo le parti sono giunte accuse e attacchi un po’ più pesanti di quanto non fosse accaduto nel recente passato.

Con alcuni temi ricorrenti: quello della sicurezza, dell’ospedale, del Piano urbano del Traffico e della viabilità. Ma non soltanto, bisogna dirlo. Un confronto più tortuoso su quanto fatto, da parte di Filippo Bongiovanni, e quanto invece doveva essere fatto o è stato sbagliato, con impostazione e idee differenti, da parte di Fabrizio Vappina, sfidante del sindaco uscente. Proprio Bongiovanni e Vappina sono i due nomi tra i quali scegliere con un meccanismo, quello del ballottaggio, che Casalmaggiore ha assaggiato per la prima volta cinque anni fa. In quel caso Claudio Silla, centrosinistra, era il sindaco uscente, e subì una rimonta clamorosa da Bongiovanni, che era dietro di 1000 voti al primo turno.

Lo stesso Bongiovanni, esponente del centrodestra, ha un vantaggio di 400 voti, che gli ha quasi consentito di vincere già il 26 maggio, quando il primo cittadino in carica si fermò al 49.2%, ossia a 51 voti dal successo. Vappina spera ora nella rimonta: che può considerarsi difficile – dato che Orlando Ferroni ha indirizzato i suoi 500 voti su Bongiovanni, sperando di avere così una chance di entrare in consiglio (la decisione spetterebbe comunque a un giudice, perché ci sono visioni differenti sulla questione e sul cosiddetto Metodo D’Hondt) – anche se non del tutto impossibile.

Anche il discorso dell’affluenza ha un peso notevole: sulla carta più questa è bassa, più dovrebbe avere chance chi parte dietro e dunque è sfavorito. Fu così anche cinque anni fa, quando l’affluenza calò del 15% da un turno con l’altro. E questo è anche uno dei motivi per i quali, tra attacchi vari e qualche “bomba social” che ha scatenato la piazza virtuale (vedi l’ultima sul ponte poco prima della riapertura), Bongiovanni ha spesso invitato al voto.

I seggi sono aperti, questo è noto, dalle 7 alle 23, con rilevazione dell’affluenza al solito certificata alle 12, alle 19 e infine alle 23, ossia alla chiusura. Poi lo spoglio inizierà subito e, proprio per la rapidità del meccanismo, attorno alla mezzanotte e mezza o al massimo all’1 di notte si saprà il nome del nuovo sindaco, che sarà proclamato ufficialmente assieme ai nuovi consiglieri comunali lunedì alle ore 14 presso l’Ufficio Centrale. I seggi sono infatti sedici, ma stavolta non ci sono da calcolare preferenze: conta solo il voto al candidato sindaco.

Sulla carta Vappina parte forte in città, Bongiovanni si difende benissimo in frazione. E’ stato così al primo turno. Sarà così anche stavolta? E soprattutto quale delle due “anime” di Casalmaggiore prevarrà? Ai seggi l’ardua sentenza. Intanto Cremona 1 (canale 211 del digitale terrestre oppure in streaming su Oglio Po News), come già aveva fatto al primo turno, dalle 22.30 di domenica fino alla proclamazione del vincitore seguirà in diretta lo spoglio passo dopo passo.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti