Commenta

Rilancio della Sanità Oglio Po:
il comune di Bozzolo pubblica
la delibera consiliare e insiste

Sono diverse le proposte contenute nel documento: “Procedere nel più breve tempo possibile, entro aprile, a pubblicare il bando per la ricerca e nomina del nuovo direttore dell’Area Interaziendale del Casalasco-Viadanese (scadenza in verità mancata, ndr)".

BOZZOLO – Il comune di Bozzolo torna a puntare i fari e a fare salire l’attenzione sul sistema sanitario del comprensorio Oglio Po. Lo fa dando lustro, con la pubblicazione all’albo pretorio on line, alla delibera di uno degli ultimi consigli comunali, che ha preso in esame proprio il rilancio dell’ospedale Oglio Po di Vicomoscano e, parlando di un unico sistema interconnesso, pure del presidio Don Primo Mazzolari di Bozzolo, interessato in questi giorni dal bando per l’assegnazione dei lavori edili per realizzare il cosiddetto Pot, Presidio Ospedaliero Territoriale.

Sono diverse le proposte contenute nel documento: “Procedere nel più breve tempo possibile, entro aprile, a pubblicare il bando per la ricerca e nomina del nuovo direttore dell’Area Interaziendale del Casalasco-Viadanese (scadenza in verità mancata, ndr); Definire un budget fisso annuale da assegnare a tale ambito, entro il mese di giugno; Applicare in ogni sua parte la convenzione per il consolidamento della collaborazione gestionale tra le ASST di Mantova e di Cremona, come già approvato dalle rispettive aziende nel dicembre 2018; Procedere senza altri indugi ad attuare la DGR n.795/2018 sfruttando le risorse a disposizione; Valutare attentamente la fattibilità del progetto del Comitato per la difesa e il rilancio dell’Ospedale Oglio Po; Coinvolgere maggiormente gli studi di medici di base e i sindaci del territorio, all’interno dell’assemblea d’ambito, sulle scelte strategiche future del comparto socio sanitario dell’area; Inviare tali proposte approvate all’interno dell’Ordine del Giorno ai Direttori Generali dell’ASST di Mantova e di Cremona, Raffaello Stradoni e Giuseppe Rossi, e all’Assessore Regionale Giulio Gallera per la loro presa in carico e attuazione e per conoscenza ai Sindaci dell’area Oglio Po, nonché al D.G. A.T.S.”.

Per quanto concerne invece l’ospedale Don Primo Mazzolari di Bozzolo il consiglio chiede di “Completare l’attivazione del POT, come indicato dalle Autorità Sanitarie regionali e locali, che comprende un ventaglio importante di servizi come aggregazione di medici di medicina generale, pediatria di famiglia; presenza della gamma della specialistica; sviluppo dell’assistenza su pazienti cronici; trasferimento del consultorio familiare con ausilioteca; ristrutturazione della parte storica dell’Ospedale posta nel vecchio nosocomio; integrazione dei servizi dedicati a protesica, assistenza domiciliare integrata e cure palliative”.

A questo si aggiunga l’esigenza di “Completare le azioni di recupero della struttura ospedaliera con la riparazione dei pluviali di gronda ed altre opere di manutenzione, verificando le disponibilità sui capitoli del protocollo Regione – Comune di Bozzolo nell’anno 2007; Mantenere il collegamento funzionale del PRM Don Primo Mazzolari di Bozzolo con l’Ospedale di Asola e con l’Ospedale “Poma” di Mantova; Provvedere alla individuazione di un medico-fisiatra da assegnare all’ospedale Oglio Po anche al fine di favorire una più forte sinergia con l’Ospedale di Bozzolo; Riattivare il settore radiologico nella sua interezza di organici, presidi sanitari e tecnologici (mammografo digitale, MOC, laboratori, organici, etc.) ed ogni altra necessità collegata al pieno funzionamento della struttura, anche con riferimento ad una adeguata operatività delle prenotazioni delle visite specialistiche con supporto di segreteria CUP”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti