Commenta

Rifiuti: Trashbusters e CRA
all'attacco dell'area Lido. "Insieme
possiamo fare la differenza"

Dobbiamo anche ricordare che ogni volta che lanciamo a terra un rifiuto è la diostrazione del non amore verso la nostra terra, il nostro paese, verso la nostra città ed i nostri parchi.

CASALMAGGIORE – Erano in sei, questa mattina, i TrashBusters ‘La Bassa’ alle 8.30. Sei più una sorpresa: il CRA (Comunità Riabilitativa ad Alta Assistenza) di via Romani che a partire da oggi e sino a settembre si occuperà del primo tratto del parco Golena. Una decina i ragazzi del CRA, più i Trasbusters Jessica Lazzarini, Maurizio Stradiotti, Noemi Devicenzi, Fiorella Maldotti, Lara Giordani e Rita Cannone.

L’area interessata all’azione è stata quella del parco Lido Po, della strada di collegamento con l’argine maestro e l’area d’accesso al Parco Golena del Po. Inutile dire che – come al solito – si è raccolto di tutto: cartacce, vetro, lattine, plastiche varie. Tutti rifiuti sparsi in giro nonostante la presenza nell’area di un numero adeguato di cestini per i rifiuti.

“Siamo per la seconda volta come gruppo TrashBusters a raccogliere rifiuti – ha spiegato Maurizio Stradiotti – e questa volta abbiamo deciso di dedicarci all’area Lido. E’ un’area bellissima, ed ho appena saputo che anche questo tratto è patrimonio dell’Unesco, dunque ci sembra un’iniziativa per sensibilizzare al mantenimento e alla conservazione dell’ambiente”.

“Sono qui questa mattina – ha spiegato Rita Cannone – perché sono interessata al mondo del volontariato e mi piace dedicarmi alle questioni legate a tematiche ambientali e umane”

“Il motivo per cui sono qui – ha spiegato Lara Giordani – è perché bisogna comunque in prima persona aiutare la comunità e l’ambiente è un’ottima cosa perché viene molto trascurato. Non ci prendiamo mai la briga di raccogliere quando vediamo in giro una bottiglia vuota, o un pacchetto di sigarette buttato per terra e questo a lungo può danneggiarci tutti, anche a noi in prima persona”.

“Questa è la seconda uscita come gruppo – ha spiegato Jessica Lazzarini – e ci troviamo qui al parco lido po in questa cornice meravigliosa di pace, tranquillità e silenzio, uccellini che cantano, c’è un verde meraviglioso e purtroppo riusciamo a trovare sempre qualche ricordino che qualcuno ha lasciato in giro. Il nostro appello è sempre lo stesso: tutti noi possiamo fare la differenza e contribuire a rendere più pulito e più bello l’ambiente in cui viviamo. Dobbiamo anche ricordare che ogni volta che lanciamo a terra un rifiuto è la diostrazione del non amore verso la nostra terra, il nostro paese, verso la nostra città ed i nostri parchi. Ricordiamo anche che in questi parchi molti bambini vengono a giocare. Se ognuno di noi con i propri gesti e la propria sensibilità contribuisse, non a gettare il rifiuto per terra ogni volta che non c’è un cestino ma magari tenerlo e buttarlo quando si arriva a casa, questi gesti potrebbero già fare la differenza. Io mi auguro che queste nostre uscite alle quali partecipo molto volentieri proseguano, il nostro è un impegno che ci siamo presi e portiamo avanti. Chiedo comunque l’aiuto di tutti perché insieme possiamo davvero fare la differenza. E’ questo che conta, l’unione, la costanza e la nobiltà d’intenti”.

Nazzareno Condina

 

© Riproduzione riservata
Commenti