Commenta

Mail da Giovanni Cavatorta:
attenzione, è un virus,
non cliccare sul link

La mail in oggetto porta un'intestazione che sa di beffa, oltre che sapero poco di grammatica - spero con tutto il cuore che passi una giornata fantastica - e nelle due righe di testo racchiude l'invito a cliccare un link

VIADANA – L’intestazione – quella che potrebbe trarre in inganno i più sprovveduti – è quella dell’ex sindaco di Viadana Giovanni Cavatorta, deceduto dopo una lunga quanto inesorabile malattia il 18 maggio scorso all’ospedale Carlo Poma di Mantova. Ma i link a cui fa riferimento sono virus o spam. Non li abbiamo aperti, ma non abbiamo alcun dubbio che siano proprio quello che abbiamo detto.

La mail in oggetto porta un’intestazione che sa di beffa, oltre che sapero poco di grammatica – spero con tutto il cuore che passi una giornata fantastica – e nelle due righe di testo racchiude l’invito a cliccare un link “E tu indubbiamente devi dare uno sguardo a questo”. Chiude la mail una sorta di firma, naturalmente fasulla, “Rispettosamente tuo con profonda gratitudine” e l’indirizzo mail, quello sì vero, dell’ex primo cittadino.

Nulla di cui meravigliarsi: il web è pieno di spam, virus, trojan, e chi più ne ha più ne metta. Ad essere attaccate spesso sono le mail ed i siti dei vivi. Capita, però, come in questo caso, che siano i morti ad essere presi di mira. E’ un po’ come rubare i fiori o gli oggetti al cimitero – pratica vergognosa e comunque diffusa – solo che oggi i cimiteri sono pure virtuali e il mancato rispetto dei morti corre pure sul web. Un mondo, quello del web, che per inciso ha poco rispetto spesso pure per i vivi.

L’invito è naturalmente quello di non aprire la mail in oggetto e assolutamente di non cliccare sui link. Aprire e cliccare insomma quando si è assolutamente sicuri di quel che si fa. D’altronde, basta passare il mouse sull’intestazione dell’indirizzo mail (Giovanni Cavatorta, in alto) per vedere che l’indirizzo mail reale è un altro indirizzo.

Spam o virus di cattivo gusto insomma. Capita pure questo.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti