Un commento

Nutrie, Piloni (PD) contro Rolfi:
"Sbaglia, il modello
americano da noi non serve"

Rispondendo a un’interrogazione firmata dallo stesso Piloni insieme alla collega di Mantova Antonella Forattini, Rolfi ha confermato che verranno attivate sperimentazioni sul modello americano della Louisiana, incaricando i cosiddetti “trappers”.

MILANO – “È inutile guardare al modello americano, quando sul territorio lombardo sono già state fatte, nel tempo, sperimentazioni che hanno portato risultati positivi e che basterebbe riprendere, all’interno di una pianificazione continua e ragionata, di concerto con gli enti locali e con la giusta dotazione finanziaria”, è questo il commento del consigliere regionale PD Matteo Piloni all’annuncio dell’Assessore all’Agricoltura Rolfi, mercoledì in Commissione Agricoltura, sui prossimi interventi regionali per il contenimento delle nutrie.

Rispondendo a un’interrogazione firmata dallo stesso Piloni insieme alla collega di Mantova Antonella Forattini, Rolfi ha confermato che verranno attivate sperimentazioni sul modello americano della Louisiana, incaricando i cosiddetti “trappers”, cioè dei cacciatori specializzati anche nella cattura.
“Non ci sono, però, l’elenco delle aree geografiche in cui avverrà la sperimentazione, né informazioni certe sui costi dell’operazione (si è parlato di un costo presunto ma non an-cora accertato di 100.000 euro) e sulle tempistiche. Manca anche, come spesso accade con questa amministrazione regionale di centrodestra, un coinvolgimento degli enti locali interessati al problema: Comuni e Province”.

“Vorrei ricordare all’assessore Rolfi – conclude Piloni – che in provincia di Cremona abbiamo già sperimentato questa procedura senza dover ricorrere all’esperienza della Louisiana. In realtà il tema è tutto economico, pertanto per noi è semmai fondamentale ottenere un fondo straordinario nazionale per il contenimento della nutria. Ciò che continuano a mancare sono programmazione e continuità, oltre alle risorse che, ricordo, per il 2019 ammontano a solo 200 mila euro”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti
  • antonella

    A quando un fondo per il contenimento degli umani che buttano immondizie varie nei fossi? I “trappers” potrebbero occuparsi anche di quelle bestie lì già che ci sono?