Commenta

Casa di Riposo Busi,
interpellanza di Alberto Fazzi
al sindaco Bongiovanni

interpellanza sulla questione dei disagi dovuti all'impianto di condizionamento della Casa di Riposo Busi e su quella delle vicissitudini che hanno interessato la fondazione nelle settimane scorse

CASALMAGGIORE – Alberto Fazzi (Gruppo Consiliare ‘Il Listone – La comunità che dialoga) ha presentato un’interpellanza sulla questione dei disagi dovuti all’impianto di condizionamento della Casa di Riposo Busi e su quella delle vicissitudini che hanno interessato la fondazione nelle settimane scorse.

Questo il testo.

Il gruppo consiliare “Il Listone – la comunità che dialoga”

visti

i cambiamenti climatici già in atto che rivelano la sempre più frequente tendenza al manifestarsi di fenomeni meteorologici di carattere estremo

visto

il sopralluogo effettuato in data 28 giugno 2019 che ha rilevato, alla presenza del Direttore Sanitario ed Amministrativo, una temperatura superiore ai 30 gradi in locali al secondo piano adibiti alla conservazione dei medicinali

visti

i pareri del personale sanitario e del Direttore Sanitario emersi durante il suddetto sopralluogo circa l’impossibilità di attuare azioni di contrasto definitive e risolutive in caso di ondate di calore durature, a causa della vetustà dell’impianto di condizionamento esistente

visto

il documento “Linee guida per la gestione dei medicinali e dei dispositivi medici in RSA” di Regione Lombardia

visto

il “Codice Etico” della Fondazione Conte Carlo Busi che nella sezione Valori Fondamentali afferma che:
“La persona umana è posta al centro dell’attività della Fondazione. Le attività sanitarie ed assistenziali vanno svolte nel pieno rispetto dei diritti fondamentali della persona assistita, salvaguardandone la dignità e la libertà, e sono finalizzate a migliorare lo stato di benessere fisico, psichico e morale degli assistiti, tramite la eliminazione o la riduzione, per quanto possibile degli stati di malattia o disagio.”

visto

il sopralluogo dei Nuclei Antisofisticazioni e Sanità dell’Arma in data 1 luglio 2019 presso la struttura

visto

il ripetersi da almeno 2 anni di disagi dovuti al malfunzionamento dell’impianto di condizionamento

vista

la “Carta dei Servizi” della Fondazione

chiede al Sindaco

• se è a conoscenza dell’esito del controllo ufficiale effettuato dai NAS ed in caso affermativo a renderlo pubblico;
• se ha intenzione di indirizzare il nuovo Presidente e CDA della Fondazione alla risoluzione di priorità da troppo tempo ormai sottovalutate come la necessità di realizzare un impianto di condizionamento nuovo a sostituzione di quello esistente;
• se ha intenzione di effettuare periodicamente con cadenza bimestrale, accompagnato dai consiglieri comunali che si rendono disponibili e dai membri del CDA, un sopralluogo presso i locali della Fondazione al fine di attuare una più stretta e serena cooperazione tra il Consiglio Comunale ed il Consiglio di Amministrazione della Fondazione.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti