Commenta

Piadena Drizzona, verde pubblico
non curato. La minoranza: "E' questa
la lotta al degrado promessa?"

“Il tempo del “colpa degli altri” è finito - conclude la minoranza - e ora servono interventi precisi e siamo certi che questa amministrazione così attenta alla cura, all'ordine e alla lotta al degrado appunto sarà sicuramente tempestiva". FOTOGALLERY

PIADENA DRIZZONA – Sfrutta i social in questo caso la minoranza consiliare di Piadena Drizzona, per riportare alcune segnalazioni di cittadini e sottoporle alla maggioranza con sguardo critico. “Alcuni concittadini ci hanno segnalato attraverso queste foto la condizione del verde pubblico in varie zone del paese e delle frazioni, in particolare: cimitero di Vho, Drizzona, Piazza di Castelfranco, piazzale delle scuole di Piadena, Parco Devid Piazza a Drizzona”.

“La situazione poi – si legge nell’intervento – è simile in altre zone come il parchetto di Via Garibaldi a Vho, Via Falchetto e il Giardino 8 Marzo dell’acquedotto a Piadena e a questo si aggiungono i molti sacchi, sacchetti, borse, borsine che si trovano all’interno dei cestini facendoli strabordare: qui servirebbe però anche la collaborazione dei singoli cittadini. Ciò detto, pensiamo che questa maggioranza che ha tra le sue priorità la lotta al degrado debba intervenire in modo celere e concreto, perché ricordiamo che la campagna elettorale è finita e i cittadini aspettano risposte e azioni mirate alla buona gestione della Comunità”.

“Il tempo del “colpa degli altri” è finito – conclude la minoranza – e ora servono interventi precisi e siamo certi che questa amministrazione così attenta alla cura, all’ordine e alla lotta al degrado appunto sarà sicuramente tempestiva nell’intervenire per risolvere questo problema. Tra le foto che ci hanno segnalato sono ritratti anche i supporti dei pannelli elettorali che sono ancora posti a Drizzona, ricordiamo che le elezioni si sono svolte il 26 maggio ed oggi siamo al 28 luglio e non crediamo che in vista ci possano essere altre elezioni. O ci sbagliamo?”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti