Un commento

Viadana, la politica già guarda
al 2020. Crivellaro-Lodi Rizzini
come ticket per la Lega?

Al momento, ovviamente, sono solo voci: resta da capire se prenderanno consistenza e soprattutto se la sezione locale della Lega approverà il tandem per provare a tenersi il comune.

VIADANA – E’ meno lontana di quanto sembri la primavera 2020, che fissa a Viadana una tappa amministrativa molto significativa, quella cioè delle elezioni comunali. E però ancora presto per avere nomi di candidati ufficiali. Abbiamo in ogni caso assistito a diversi movimenti: da un lato i 5 Stelle hanno chiarito che non si candideranno a sindaco né Susy FotiAlessandro Teveri, attendendo dunque una nuova figura che possa correre per diventare primo cittadino; dall’altro ecco alla nascita di due civiche (per ora via social network) che rispondono al nome di Viadana Davvero 2020 e di Generazione Viadana 2020.

E la Lega, o il centro-destra, ufficiale, ossia quello che sta governando nella tornata amministrativa in corso, prima col compianto Giovanni Cavatorta, scomparso nel maggio scorso, e ora col comune retto da Alessandro Cavallari? Dopo la nota rottura tra le anime della Lega, nulla si sa per certo, come detto, ma pare proprio che il primo partito in Italia abbia iniziato a sondare possibili candidati sindaco per Viadana e che due settimane fa la sezione abbia incontrato un potenziale candidato.

Si tratta del dottor Gabriele Crivellaro (attuale direttore sanitario della Casa di Riposo di Viadana). Questi sarebbe stato presentato da Alberto Lodi Rizzini, ex vice sindaco di Pomponesco, col quale sarebbe stato proposto il cosiddetto “ticket”: Crivellaro sindaco e Lodi Rizzini vice. Al momento, ovviamente, sono solo voci: resta da capire se prenderanno consistenza e soprattutto se la sezione locale della Lega approverà il tandem per provare a tenersi il comune.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Claudio Bottari

    Notizia non notizia, dovreste chiedere agli interessati prima di buttare nomi a caso di privati cittadini sul web