Commenta

Asini sotto le stelle. La
notte di San Lorenzo s'illumina
al Centro Natura Amica

Una birra, la cucina, un trenino estemporaneo realizzato per la gioia dei più piccoli, la musica, gli asini e, qualche centinaio di metri più addentro alle tenebre della golena, i telescopi e le stelle con ottimi maestri ad illustrarne i moti

GUSSOLA – L’infinito che ci sovrasta e quello che ci appare ogni giorno in terra. Fatto di tante piccole cose messe insieme che fanno grandi anche gli appuntamenti ordinari. Ieri sera, al Centro Natura Amica di Gussola è andato in scena ‘Asini Sotto le Stelle’, appuntamento che – a guardare quanta gente ha affollato i sempre più angusti spazi dei Valloni – è stato un successo oltre ogni aspettativa.

L’infinito terreno, fatto dagli asini, dai giochi, dal momento di convivio e quello dedicato alla musica, dalla passione di tutto il personale del Centro Natura Amica, ma fatto soprattutto dalle tantissime famiglie giunte sino in fondo alla golena per godere di una serata di spensieratezza ed allegria e quello celeste, con gli appassionati di astronomia di DeepSky che, al buio di un argine comprensoriale illuminato solo dal chiaro di luna hanno illustrato ai bambini (ma soprattutto agli adulti) i misteri della volta celeste.

Tre i telescopi a disposizione di chiunque. Uno fissato sulla bellezza infinita della luna e dei suoi crateri, con l’accecante bellezza della luce riflessa che la illumina, gli altri a rotazione su giove, sugli altri pianeti visibili, su stelle e galassie lontane. Impossibile non restare affascinati dalla competenza degli astrofili bresciani che hanno spiegato le stelle ed illustrato la volta celeste ad un pubblico attento e curioso.

Una serata bella e ricca di poesia insomma. Una birra, la cucina, un trenino estemporaneo realizzato per la gioia dei più piccoli, la musica, gli asini e, qualche centinaio di metri più addentro alle tenebre della golena, i telescopi e le stelle con ottimi maestri ad illustrarne i moti. Una serata come tutte quelle che qui sanno fare qui. Qui – ai Valloni – dove basta poco per ritrovarsi, d’incanto, vicini all’infinito.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti