Commenta

Punjt Singh, questa mattina
la camera ardente in Oratorio,
domani alle 9 il funerale

Al termine del rito la salma sarà tumulata nel cimitero di Rivarolo. Punjit Singh riposerà per sempre in una terra che non ha avuto modo di conoscere se non per breve tempo, in una terra che continuerà ad abbracciare la sua famiglia

RIVAROLO DEL RE – Un compleanno, l’unico della sua brevissima esistenza, passato in ospedale. Aggrappato alla vita, nonostante le condizioni fossero disperate già da subito, da quel 24 gennaio terribile all’incrocio tra la provinciale 42 e la strada per Breda Azzolini. Ha lottato il piccolo leone, sino a che ha potuto. Sino all’ultima grave crisi che se lo è portato via, a sette mesi dall’incidente. La salma di Punjt Singh, 16 mesi e mezzo, spirato all’ospedale di Bergamo è giunta ieri in serata a Rivarolo del Re.

La camera ardente è stata allestita all’Oratorio. A soffrire un’intera comunità che aveva imparato a voler bene a quella famiglia, papà, mamma e tre figli, ben integrata. Una comunità che ha vissuto con apprensione questi sette mesi, nella speranza di un miracolo che non è avvenuto. Punjt Singh è tornato tra gli angeli, figlio di una terra lontana ma, per una volta, vicina al cuore della gente comune. Un bimbo, come tanti figli e nipoti di questa terra agricola di confine, tra il cremonese e il mantovano. Un bimbo, figlio di tutti, per il quale in tanti piangono.

Da questa mattina alle 10 si potrà andare a portare l’ultimo saluto al piccolo, e stringersi a fianco di una famiglia provata da tanti mesi di ospedale e di lotta. Una famiglia che – pure di fronte all’ultimo infinito dolore – ha pensato che quegli occhi vispi potessero continuare a guardare il mondo negli occhi di qualcun altro, con le cornee donate.

L’amministrazione comunale, il sindaco, l’assistente sociale, il parroco e i volontari dell’oratorio sono stati di fianco alla famiglia ogni istante di questo tragico momento. Hanno mostrato cosa può essere davvero una comunità integrata in cui si è tutti figli di una stessa terra e in cui il dolore unisce più di ogni altra cosa. “Un dolore immenso, abbracciamoci tutti attorno alla famiglia e in particolar modo alla mamma oltre che ai due fratellini miracolosamente salvi da quel terribile incidente. Noi pregheremo per te” ha detto Luca Zanichelli, sindaco della comunità, che in questi mesi ha seguito passo passo l’evolversi della situazione, ha sperato ed alla fine si è commosso per questo tragico epilogo e per il gesto immenso della donazione.

Il rito funebre si terrà domani mattina, dalle 9, con partenza dall’Oratorio. Al termine del rito la salma sarà tumulata nel cimitero di Rivarolo. Punjit Singh riposerà per sempre in una terra che non ha avuto modo di conoscere se non per breve tempo, in una terra che continuerà ad abbracciare la sua famiglia, standole vicina anche nei giorni che verranno.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti