Commenta

Quattrocase, altro pienone
con la zucca protagonista:
un successo sempre garantito

Quattrocase e le sue zucche ha di fatto chiuso l’estate così come sempre questa vivace frazione di Casalmaggiore l’aveva aperta, a giugno, con un altro appuntamento dedicato alla zucca e in generale alla buona cucina.

QUATTROCASE (CASALMAGGIORE) – L’ennesimo successo, più forte del maltempo che ha guastato la serata di sabato. Quattrocase e le sue zucche si conferma un must dell’estate casalese e la tre giorni a base di cucurbitacea arancione e di ottimi piatti preparati dai volontari non ha tradito nemmeno quest’anno. Un’edizione con cucina e musica, binomio ormai consolidato e apprezzato, col tutto esaurito in tutte e tre le serate.

Peccato per il concerto degli Alterego – peraltro con il frontman padrone di casa, essendo originario di Quattrocase, Alessandro Zaffanella – interrotto sul più bello quando stava prendendo quota, a causa di una vera e propria bomba d’acqua che si è abbattuta su Quattrocase. Eppure, anche qui, i volontari del Gruppo Emergenti, che ha organizzato la sagra, hanno avuto modo di mostrare l’eccezionale spirito organizzativo, quando hanno letteralmente tolto dal pantano, con pick up e trattore, le auto rimaste ferme nel parcheggio a causa del terreno divenuto presto fango.

Un bel gesto, molto apprezzato, che conferma che il successo è assolutamente meritato. Come detto in cucina la grande protagonista è stata l’amica arancione dei campi: zucca sfiziosa fritta, zucca nei tortelli, gnocchetti di zucca, torta di zucca. Ma anche altre portate, per tutti i palati. Senza dimenticare la mascotte, una zucca più “morbida” (e decisamente più alta) di quella originale, che ha allietato gli ospiti alla sagra. La domenica si è distinta per il tradizionale Vesparaduno mattutino (170 iscritti), oltre che per alcune gare abbastanza particolari – e decisamente senza età – ideate sul sagrato della chiesa di Quattrocase. Domenica sera invece il concerto di Jolanda Moro, dato che gli organizzatori avevano pensato a un tris di concerti aperto a tutte le età presenti alla festa.

“Altri tre giorni di festa indimenticabili per la nostra frazione! Tantissimo impegno e lavoro per tutti – ha commentato su Facebook il gruppo Quattrocase Emergenti – con tante tante tante soddisfazioni che superano di gran lunga quella piccola maledetta nuvoletta che ci ha girato intorno in questi giorni. Mille e mille grazie agli oltre 100 volontari e a tutti quelli che hanno collaborato prima e dopo con noi per questa festa”. Quattrocase e le sue zucche ha di fatto chiuso l’estate così come questa vivace frazione di Casalmaggiore l’aveva aperta, a giugno, con un altro appuntamento dedicato alla zucca e in generale alla buona cucina. Ovvero in festa, in compagnia con i piedi sotto un tavolo e poi via tutti a ballare. Tempo permettendo, ma pronti – come in effetti è capitato – a mettere una pezza pure ai capricci di Giove Pluvio.

G.G.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti