Commenta

StraGussola, un nuovo "antico"
appuntamento tra le bellezze
del paese e la solidarietà

"La StraGussola – afferma il sindaco Stefano Belli Franzini – unisce valorizzazione del territorio, salute e solidarietà: questi sono gli assi principali sui quali si basa la prima edizione dell'evento".

GUSSOLA – E’ alla prima edizione, ma la StraGussola si presenta da subito con l’ambizione di diventare uno dei punti di riferimento delle camminate ecologiche che si propongono di diffondere anche nel nostro territorio la cultura del movimento quale risorsa preziosa per la salute. Il tutto abbinato alla promozione del territorio nel segno della solidarietà.

La StraGussola esisteva già nel passato, ma si trattava di una gara di corsa campestre. Oggi intercetta la moda salutare della camminata che altrove raduna decine di migliaia di appassionati. Non si corre contro il tempo, ma a favore del proprio tempo. La “camminata per la vita”, che si potrà ovviamente percorrere anche di corsa, si svolgerà domenica 1 settembre, e si snoderà su tre diversi percorsi, sulla base della preparazione e delle caratteristiche di ognuno. Potranno farla insomma persone di ogni età. I percorsi sono di 3, di 6 e di 10 km. L’apertura delle iscrizioni inizierà alle ore 7,30, con partenza da piazza Comaschi alle 8,30. La quota di partecipazione è di 3 euro (gratis per bambini fino a 10 anni). Premi speciali verranno assegnati al più giovane, al più anziano e ai tre gruppi (minimo 7 persone) più numerosi. A tutti i partecipanti verrà assegnato un gadget, e ci sarà un rinfresco finale per tutti, oltre naturalmente a due punti ristoro a metà circa dei due tragitti più lunghi. Per maggiori informazioni è possibile contattare Matteo (347-4650981), Ilenia (339-7480505) o Gianluca (339-3842578). L’evento è organizzato da Aido Gussola, Nordic Walking Gussola e Nordic Walking Mantova, col patrocinio del Comune di Gussola.

«La StraGussola – afferma il sindaco Stefano Belli Franzini – unisce valorizzazione del territorio, salute e solidarietà: questi sono gli assi principali sui quali si basa la prima edizione dell’evento. Il desiderio è quello di promuovere le nostre bellezze come la golena, la cascina Cartiera, il centro Natura Amica, il Lancone, la Chiesa di Borgolieto, Cascina Trombini, il parco e la Piazza». Come è nata l’idea? «Abbiamo ripreso una vecchia gara, puntando sui paesaggi che spesso sono sottovalutati e sulla promozione della salute. L’idea è nata da noi amministratori, poi abbiamo coinvolto vari volontari che hanno aderito e collaborato nella realizzazione della manifestazione, sia sotto l’aspetto tecnico che organizzativo e burocratico. Auspico il meteo clemente e una buona partecipazione. Chi già non li conosce potrà apprezzare ambienti dal fascino indiscutibile, come la Cartiera, non sempre facile da raggiungere, la cascina Trombini, gli argini che il Navarolo ha aperto per l’occasione: è la sinergia tra pubblico e privato che ha fatto la differenza. Tra l’altro ognuno può partecipare, il percorso da 3 km è ideale anche per i disabili, data l’assenza di barriere architettoniche».

Lungo l’elenco dei ringraziamenti del sindaco: Aido, Coop Vicinato, Ortofrutticola Genovesi Anversa, Azienda Agricola La Cartiera, Cascina Trombini, Consorzio di Bonifica del Navarolo, Centro Natura Amica, Fura per la concessione del parcheggio, Gianluca Mariotti, Silvano Buratti, Luciana Daolio, Anna Caterina Quarenghi, Matteo Sanfelici, Ilenia Cominotti, Alessandro Lui, Protezione Civile, Associazione Cannisti Monte Bianco.

Quanto ai percorsi, quello da 3 km rimarrà in paese, con un tratto di argine maestro fino alla discesa della chiesa di Borgolieto. Quello da 6 km percorrerà via Madonnina, poi la cascina Cartiera, sull’argine comprensorio raggiungerà a destra Cascina Trombini, poi l’argine maestro e l’arrivo in piazza da via Marconi. Quello da 10 km dopo la prima parte identica (via Madonnina e Cartiera) sull’argine comprensorio svolterà a sinistra per raggiungere il Centro Natura Amica, quindi rientro sull’argine maestro all’altezza della chiesetta di Martignana Po, la chiesa di Borgolieto, via Mazzini affiancando la palestra e rientro in piazza attraverso il parco Vainer Lombardi.

V.R.

© Riproduzione riservata
Commenti