Un commento

"Scelta di governo poco
coerente": Vinciguerra si dimette
da segretario del Pd di Viadana

"Credo che la politica sia innanzitutto coerenza - scrive Vinciguerra - coerenza verso la propria comunità che ripone la propria fiducia in un partito e nelle persone che lo guidano attraverso i propri organi dirigenziali".

VIADANA – “La crisi di ferragosto, la successiva ricerca di una nuova maggioranza e la conseguente formazione del nuovo esecutivo guidato da Giuseppe Conte sostenuto dal Partito Democratico, ha destato sicuramente preoccupazione e un certo senso di smarrimento tra molti iscritti e simpatizzanti”. A scriverlo è Vincenzo Vinciguerra, ormai ex segretario del Pd di Viadana, che preannuncia le sue dimissioni.

“Credo che la politica sia innanzitutto coerenza – scrive Vinciguerra – coerenza verso la propria comunità che ripone la propria fiducia in un partito e nelle persone che lo guidano attraverso i propri organi dirigenziali. Nel mio modo di vedere le cose, forse caratterizzato da una visione inesperta e poco matura, la coerenza questa volta è stata completamente sacrificata, seppur in nome di un alto senso di responsabilità. Un partito serio ha l’onore e l’onere di dare conto alla sua base, di ascoltarla, e (anche) questa volta non è stato fatto. Questi anni di militanza mi hanno insegnato che le opinioni di tutti vanno rispettate, che possono esserci voci diverse e che la sintesi è poi senz’altro la soluzione per far meglio convergere ogni posizione differente ad una sola”.

“Creare un’alleanza di governo è una cosa che va meditata a lungo – prosegue Vinciguerra – che richiede uno sforzo immane per scrivere un programma all’altezza delle esigenze del Paese. Creare un’alleanza con partiti che condividono con noi valori e principi, la storia dei governi di centrosinistra ci insegnano, è un’impresa ardua, figuriamoci come tortuosa sia la strada con chi negli ultimi anni si è dilettato a governare in modo irresponsabile l’Italia e che rispetto a noi democratici hanno principi diametralmente opposti. Per questo motivo ho deciso di rassegnare le mie dimissioni da segretario del circolo PD di Viadana e dell’assemblea provinciale del Partito Democratico di Mantova”.

“Continuerò ad impegnarmi per la mia città – conclude Vinciguerra – a fianco di tutto il gruppo di persone che costituisce il Partito Democratico viadanese per l’importante sfida delle elezioni amministrative della prossima primavera. Un gruppo che in questi ultimi cinque anni ha fatto una opposizione sempre presente, costruttiva ed incisiva come nessun altro gruppo attualmente presente in consiglio comunale. Infine, un sincero ringraziamento al gruppo consiliare, al direttivo e agli iscritti del Partito Democratico di Viadana”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti
  • luigino biragat

    Complimenti per la sua coerenza ed onestà che anche i suoi colleghi di partito di livello superiore avrebbero dovuto avere, ma non hanno potuto avere per ragioni esclusivamente dettate da ordini imposti dai vertici dello Stato Italiano e dall’Europa per far ritornare all’ovile quella pecorella smarrita di nome Italia.