Commenta

Cinzia Marenzi va in pensione,
a festeggiarla il personale
e i colleghi di Oglio Po

"Cinzia è un medico amato e stimato da tutti - ha spiegato il dottor Claudio Toscani - era giusto festeggiarla così"

CASALMAGGIORE – E’ giunto il termine di un viaggio durato 40 anni. Anche se poi, è un termine solo formale perché, nell’emergenza in cui si trova l’Oglio Po la dottoressa Cinzia Marenzi, direttore del dipartimento di Medicina Radiologica e di Laboratorio, continuerà a dare una mano e continuerà a lavorare da libero professionista. Perché “Con la penuria di personale che c’è mi spiace lasciare gli altri in difficoltà, e perché amo tanto il mio lavoro”. Vuole che si scriva che lavorare all’Oglio Po, e lavorare per l’ASST di Cremona: “E’ una bellissima esperienza, e si ha tanto da imparare”.

Ieri a salutarla, nella splendida cornice del giardino di E’Bio di Patrizio Sartori, accompagnati dalla musica dei Vintage Club, tantissimi colleghi diventati, nel corso degli anni, amici con i quali ha condiviso un pezzo importante di strada. Cinzia Marenzi, 65 anni, ne ha passati 15 a lavorare in Oglio Po, 24 a Cremona e 1 al Robbiani di Soresina. Dal 2004 è responsabile della Radiologia dell’ospedale di Vicomoscano.

“Cinzia è un medico amato e stimato da tutti – ha spiegato il dottor Claudio Toscani – era giusto festeggiarla così”. Toscani non risparmia una nota polemica. “Si sa da un po’ di tempo che la dottoressa Marenzi va in pensione e non si è pensato per tempo alla sua sostituzione nonostante i solleciti”. I problemi di sempre insomma per un ospedale in cui chi c’é (e c’è sempre meno personale) resiste, lavora con passione ed abnegazione.

Al di là della piccola polemica di Toscani, è stata una bellissima festa tra medici ed infermieri ed i loro familiari. Un’apericena – con tutti gli ottimi prodotti e le scelte particolari portate in tavola con cura dalla famiglia Sartori – innaffiata da buon vino. Tempo di allegria, di chiacchiere e di saluti. “L’Oglio Po è anche questo, scrivilo se puoi” ci spiega una dipendente, inviandoci un messaggio in serata, con un cuore. Un po’ una famiglia in cui ci si saluta e ci si ritrova al di là del lavoro e si sorride.

Già, nonostante tutto si sorride. La dottoressa Marenzi è stata splendida protagonista di serata. Un saluto, un abbraccio e una foto con tanti colleghi, da adesso ex colleghi o quasi. Medici, infermieri, personale amministrativo. “L’ospedale ha i suoi problemi, ma lavorare qui é stata davvero una bellissima esperienza per me”. Dalla cordialità e dalle manifestazioni di affetto della festa per il suo pensionamento, non è difficile credere che lo sia stato anche per i suoi colleghi averla a fianco.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti