Commenta

I vichinghi conquistano
Viadana: successo per la
rievocazione in zona golenale

La musica invece ha visto alternarsi i gruppi Daridel, italianissimo, e Nytt Land, proveniente addirittura dalla Siberia, senza scordare i deejay set, capaci di ruotare sempre attorno alla musica scandinava e al folk medievale. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

VIADANA – I vichinghi del Mare del Nord traslocano sulle rive del Po: no, non è stata riscritta la storia grazie ad un fantomatico viaggio nel tempo, anche se sarebbe affascinante crederlo. Si è trattato però di una riuscitissima rievocazione che per il settimo anno consecutivo è stata organizzata da chi è appassionato del genere e ha saputo animare gli spazi golenali a Viadana vicino all’osteria da Bortolino.

Gli accampamenti vichinghi sono rimasti in riva al Grande Fiume, ricostruiti con grande amore per il dettaglio e grande perizia, per l’intero weekend, conquistando la popolazione di Viadana e chi ha deciso di regalarsi una scampagnata diversa dal solito, immersi in un’atmosfera certo difficile da trovare altrove. La festa “Midgard Viking Fest” è infatti durata in zona Ponte Vecchio da venerdì a domenica, con un numero importante di eventi, dimostrazioni e riproposizione di duelli, senza dimenticare l’aspetto gastronomico, curato da Bortolino e BT Salumi, ovviamente immancabile e capace di attirare vichinghi ma anche nostri contemporanei, per così dire.

Midgard significa “centro”, opposto però al Blot, che ha la stessa traduzione italiana, ma un significato ben diverso: Midgard infatti ispira l’incontro e lascia fuori tutto ciò che stona, un centro che obbliga a guardarsi in faccia e confrontarsi. Anche per questo, per non scordare un riferimento ai territori vicini e ospitanti, la rievocazione vichinga si è sposata idealmente con quella longobarda e gli accampamenti storici sono stati sede pure di momenti didattici, che hanno avvicinato i più piccoli e i più curiosi: un modo diverso dal solito per scoprire la grande storia sul campo.

Mercato artigianale e storico; combattimenti, giochi, tornei; arceria, falconeria, ebanisteria musicale, tessitura, ricamo e pure workshop hanno completato il ricchissimo programma, mettendo in conto anche la narrazione di fiabe e leggende nordiche per bambini e ragazzi. Birrificio Viadanese e Birra Matildica non hanno fatto mancare bevande sempre verdi, affiancate dai nettari del Medioevo, ma ancora oggi in voga, ossia Idromele e Hypocras. La musica invece ha visto alternarsi i gruppi Daridel, italianissimo, e Nytt Land, proveniente addirittura dalla Siberia, senza scordare i deejay set, capaci di ruotare sempre attorno alla musica scandinava e al folk medievale.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti