Commenta

Raccontiamoci le mafie,
nuovo appuntamento a Gazoldo
degli Ippoliti a fine settembre

Il focus di questa quinta edizione sarà “Diritti negati, favori garantiti. Il consenso sociale verso mafie e corruzione nella crisi delle istituzioni e della politica”.

GAZOLDO DEGLI IPPOLITI – Torna dal 22 al 29 settembre la nuova edizione di “Raccontiamoci le mafie”, la rassegna di autori, libri e arti su mafie, legalità, giustizia e impegno civile, ideata dal Comune di Gazoldo degli Ippoliti, in collaborazione con Avviso Pubblico. Sarà una settimana di eventi culturali gratuiti e aperti al pubblico per promuovere la formazione civile contro le mafie e rilanciare l’impegno di ciascuno e di tutti ad agire con coraggio e determinazione per affermare i valori di legalità e giustizia.

Il focus di questa quinta edizione sarà “Diritti negati, favori garantiti. Il consenso sociale verso mafie e corruzione nella crisi delle istituzioni e della politica”. In programma dibattiti e presentazioni di libri, spettacoli teatrali, incontri con gli studenti ma anche corsi di formazione per docenti. Ad animare gli eventi interverranno numerosi ospiti tra i quali hanno già confermato la loro presenza: Giuseppe Antoci, Presidente Onorario della Fondazione Caponnetto e già presidente del Parco dei Nebrodi, Mons. Marco Brusca, Vescovo di Mantova, Fabio Ciconte, direttore dell’associazione ambientalista Terra! Onlus, Monica Forte, Presidente della Commissione Antimafia della Regione Lombardia, i giornalisti Floriana Bulfon, Matteo Bursi, Rossella Cannadè, Duccio Facchini, Lorenzo Frigerio, Toni Mira, Tiziano Soresina, Vincenzo Spagnolo e gli studiosi Gabriele Licciardi, Marco Omizzolo, Lucio Picci, Marcello Ravveduto, Isaia Sales e Alberto Vannucci.

Il programma completo della rassegna sarà presentato in conferenza stampa a metà settembre e sarà poi consultabile online sul sito www.raccontiamocilemafie.it e sulla pagina Facebook della rassegna https://www.facebook.com/raccontiamocilemafie

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti