Commenta

Marcaria, Simonazzi: "Il sindaco
nasconde gli atti e ignora
pure il Difensore Civico"

"Dal 1° aprile stiamo aspettando che ci venga fornita la convocazione dell'assemblea della Cooperativa S. Giovanni come richiesta da nostro accesso atti, un documento semplicissimo da reperire ma a distanza di quasi 6 mesi, 173 giorni, il Sindaco non fornisce gli atti”.

MARCARIA – “Il Sindaco Malatesta continua a non fornire gli atti richiesti e, anche dopo che ci siamo rivolti al Difensore Civico della Lombardia, il Sindaco Malatesta non risponde, continua a tacere come se niente fosse”. L’accusa, pesante, arriva da Stefano Simonazzi, consigliere di minoranza di Marcaria.

“Oggi il Difensore Civico della Lombardia – si legge nel comunicato di Simonazzi – sollecita per la seconda volta il Sindaco Malatesta a fornire gli atti richiesti, vediamo se questa volta avrà la decenza di rispondere o ancora farà finta di nulla. Ci chiediamo come mai non risponda, come mai non fornisca gli atti richiesti, perché li nasconde, cos’ha da temere? Dal 1° aprile stiamo aspettando che ci venga fornita la convocazione dell’assemblea della Cooperativa S. Giovanni come richiesta da nostro accesso atti, un documento semplicissimo da reperire ma a distanza di quasi 6 mesi, 173 giorni, il Sindaco non fornisce gli atti”.

“Viene veramente il dubbio – spiega Simonazzi – che questa convocazione non esista e quindi che l’Assemblea in cui si è nominato il presidente della cooperativa sia quindi da annullare per vizio di convocazione come da art 18 dello statuto della cooperativa stessa. Questo significherebbe che tutti gli atti presi dal neopresidente dalla data dell’assemblea sarebbero nulli e guarda caso il neopresidente è lo stesso Sindaco di Marcaria Carlo Alberto Malatesta che statuti, regolamenti e leggi dovrebbe conoscerli molto bene e dovrebbe farli rispettare essendo lui un avvocato”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti