Commenta

Comitato Territoriale Arcigay
Cremona 'La Rocca': il casalasco
Lorenzo Lupoli neo Presidente

Il nuovo Consiglio Direttivo è composto da Matteo Tammaccaro (Vicepresidente), Annalisa Pagliari (Vicepresidente), Lorenza Tizzi (Tesoriera), Gabriele Piazzoni, Daniele Davollio, Dana Bonaldi e Nicole Cadoria

CREMONA – Giovedì 26 settembre, presso la sede di via Speciano 4, si è svolto il Congresso straordinario del Comitato Territoriale Arcigay Cremona “La Rocca”: è il casalasco Lorenzo Lupoli il neo Presidente.

I lavori congressuali prevedevano, come da convocazione, l’approvazione del nuovo Statuto e l’elezione delle nuove cariche sociali; dopo l’intervento di Ilaria Giani, Presidente uscente, l’Assemblea dei soci e delle socie ha votato per il nuovo Statuto e successivamente è stato il turno di Lorenzo Lupoli, candidato alla Presidenza, che ha illustrato la proposta del nuovo Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori dei Conti, oltre ad aver presentato le attività e le iniziative in programma.

Il Congresso è proseguito con un breve confronto sulle proposte future ed è terminato con l’elezione di Lorenzo Lupoli (Presidente) e del nuovo Consiglio Direttivo composto da Matteo Tammaccaro (Vicepresidente), Annalisa Pagliari (Vicepresidente), Lorenza Tizzi (Tesoriera), Gabriele Piazzoni, Daniele Davollio, Dana Bonaldi e Nicole Cadoria.

Per Lupoli “il Congresso è stato un momento importante della vita associativa e di tutta la comunità lgbti+ cremonese, in vista dei prossimi impegni e delle sfide che dovremo affrontare con passione e serietà”. L’attuale fase politica è delicata ma – prosegue Lupoli – “c’è spazio per proseguire la nostra ‘rivoluzione gentile’ partendo dai territori, soprattutto quelli di provincia come il nostro, troppe volte dimenticati dalla politica nazionale. Nei prossimi mesi saremo impegnate/i assieme a tutta l’Associazione in una delle nostre battaglie storiche: l’approvazione del ddl contro l’omotransfobia, una legge assente nel nostro ordinamento e necessaria per un Paese civile”.

Nella settimana in cui si è tenuto il nostro congresso ci hanno raggiunto due notizie che non avremmo mai voluto leggere: l’improvvisa morte del giornalista Marco Bazzani e la scomparsa prematura di Delia Vaccarello, giornalista e scrittrice da sempre impegnata per i diritti della comunità lgbti+. “A loro – conclude il neo Presidente – va il mio pensiero, due persone che ho conosciuto e seppur con orientamenti e prospettive differenti hanno contribuito a rendere il nostro un Paese migliore”.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti