Commenta

Incidenti sulle provinciali, tra
deceduti e feriti anno nero per
le province di Cremona e Mantova

Due sono avvenuti in territorio di San Giovanni in Croce, mentre nel comprensorio sono stati registrati incidenti fatali anche a Calvatone, Solarolo Rainerio e Motta Baluffi. Nella zona comprensoriale per Mantova, invece, si ricordano ben tre incidenti mortali a Viadana.

Il 2018 è stato un anno terribile sul fronte della mortalità in seguito a incidenti stradali sulle vie di comunicazione della provincia di Cremona e della provincia di Mantova. Nel cremonese 28 deceduti e 1.549 feriti, vale a dire 7 vittime in più rispetto al 2017 e addirittura 15 rispetto al 2016. Nel mantovano invece si contano purtroppo 31 deceduti e 1.693 feriti. I dati sono contenuti nell’ultimo rapporto Polis – regione Lombardia dedicato all’incidentalità stradale provincia per provincia. Nel quadro generale gli indicatori 2018 di mortalità e lesività stradale sul cremonese si rivelano ancora sfavorevoli rispetto a quelli regionali. Ogni 100 incidenti, si contano 2,6 morti nella provincia di Cremona nel 2018 contro 1,5 in Lombardia, e 141,3 feriti contro 137,1. Nella provincia di Mantova, invece, i due dati parlano di 2,7 morti e 146,5 feriti.

Per quanto concerne la provincia di Cremona nel 2018 la metà dei morti sulle strade erano conducenti o passeggeri di autoveicoli; 6 le persone in bicicletta (nel 2017 solo una); 5 i conducenti di autocarri. Il maggior numero di feriti ha un’età compresa tra i 15 e i 29 anni (421 feriti) e tra 45 e 64 anni (427 feriti). Le vittime mortali degli incidenti stessi hanno un’età mediamente più elevata e, in particolare, sono 13 le vittime tra i 45 e 64 anni e 8 quelle con 65 o più anni. Con l’eccezione di 5 passeggeri, le vittime sono tutti conducenti di veicolo.

Statisticamente il maggior numero di incidenti è avvenuto nei mesi di aprile (115), giugno (102) e luglio (102). Anche la lesività degli incidenti tende ad essere maggiore negli stessi mesi. I tratti rettilinei di strada si rivelano come quelli dove con più frequenza avvengono gli incidenti: 205 la cifra assolta, nel 2018, con 13 morti e 695 feriti; l’indice di mortalità peggiore però si registra nelle curve stradali: 86 incidenti, con 8 morti e 113 feriti, quindi con l’indice di mortalità più elevato di 9,3. Seguono, in quanto a pericolosità, gli incroci con intersezione di più strade: 110 incidenti, 5 morti, 171 feriti e indice di mortalità pari a 4,5.

Dei 28 incidenti mortali del 2018 in provincia di Cremona (si parla sempre solo di strade provinciali) in due casi c’è stato un doppio decesso: a Trigolo, dove sono morti i due occupanti di un autocarro; e a Gadesco Pieve Delmona, dove le vittime erano i conducenti delle due autovetture entrate in collisione. Il territorio comunale di Crema ha visto tre incidenti mortali, quello di Cremona due; altri due sono avvenuti in territorio di San Giovanni in Croce, mentre nel comprensorio sono stati registrati incidenti fatali anche a Calvatone, Solarolo Rainerio e Motta Baluffi. Nella zona comprensoriale dell’Oglio Po per Mantova, invece, si ricordano ben tre incidenti mortali a Viadana, sempre nell’anno 2018.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti