Commenta

Agricoltura, ancora
giù le imprese
agricole mantovane

Nel fenomeno di riduzione delle imprese agricole attive pesano sicuramente anche le incertezze su scala internazionale, dai dazi applicati unilateralmente dagli Stati Uniti ai fenomeni ai quali si sommano fattori esogeni come i cambiamenti climatici.

Prosegue la contrazione del numero di imprese agricole sul territorio mantovano. Anche nel terzo trimestre del 2019 si registra una diminuzione dello 0,5% del numero di imprese agricole, secondo quanto riportato dalla Camera di commercio di Mantova. Questa è la conferma di un processo di concentrazione dell’attività primaria e di una difficoltà strutturale nel ricambio generazionale.

Lo evidenzia Coldiretti Mantova, sollecitando misure di sostegno per incentivare l’innovazione, favorire l’aggregazione, la multifunzione aziendale, la filiera corta e la competitività. Per Coldiretti Mantova nel fenomeno di riduzione delle imprese agricole attive pesano sicuramente anche le incertezze su scala internazionale, dai dazi applicati unilateralmente dagli Stati Uniti (cosa mai accaduta finora e vietato dalle regole del Wto), ai fenomeni ai quali si sommano fattori esogeni come i cambiamenti climatici o l’invasione di specie alloctone, dalla cimice asiatica alle nutrie.

A questo si aggiungono – rileva Coldiretti Mantova – le incognite della Politica agricola comune post 2020. Sembra peraltro che – secondo quanto sostenuto dall’assessore all’Agricoltura della Lombardia – con il nuovo regolamento transitorio adottato dalla Commissione, nel 2021 l’agricoltura italiana subirà un taglio di risorse di 370 milioni di euro. La Lombardia potrebbe rischiare di ottenere, secondo le prime stime, 20 milioni di euro in meno, calcola la Regione.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti