Cronaca
Commenta

Furto aggravato, 56enne di Rivarolo del Re arrestato a Gualtieri dal Radio Mobile di Guastalla

GUALTIERI – E’ andata male la trasferta furtiva per un ladro che proveniente dalla provincia di Cremona aveva indirizzato le attenzione furtive avuto riguardo un edificio disabitato di proprietà di un’immobiliare di Gualtieri, in provincia di Reggio Emilia.

L’eccezionale connubio tra l’immediato allarme dato dal derubato al 112 e il tempestivo intervento dei carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Guastalla ha consentito di cogliere sul fatto il ladruncolo e recuperare parte della refurtiva già trafugata che l’uomo aveva caricato nel suo furgone parcheggiato poco lontano. Per questo motivo nella mattinata di ieri i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Guastalla con l’accusa di furto aggravato hanno arrestato un 56enne di Rivarolo del Re ed Uniti (CR) ristretto al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana.

L’origine dei fatti ieri poco prima elle 8.00 quando i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Guastalla, su input dell’operatore in servizi al 112, intervenivano in via Minzioni di Gualtieri dove il proprietario aveva scoperto l’intrusione furtiva, all’interno di un edificio disabitato di proprietà di un’immobiliare di Gualtieri, ad opera di uno sconosciuto. I carabinieri subito giunti fermavano lo sconosciuto identificato in un 56enne cremonese sorpreso, con una cassetta d’attrezzi, intento a smontare una parete divisoria.

“Sono stato autorizzato dal proprietario di casa”. Questa l’improvvisata giustificazione fornita dall’uomo ai carabinieri che tuttavia è risultata falsa. L’uomo come accertato dai carabinieri infatti previa effrazione del cancello si era introdotto furtivamente per compiere un furto come peraltro rilevato dalla ricognizione del furgone di proprietà dell’uomo archeggiato poco lontano dove è stata rinvenuta una porta rubata dall’interno dell’edificio.

Accertati i fatti l’uomo, sedicente e compiutamente identificato grazie al contributo offerto dai militari della Stazione di Rivarolo del Re, veniva dichiarato in arresto per furto aggravato e risetto a disposizione della Procura reggiana. All’interno dello stesso edificio di recente sono state registrati altre analoghe intrusioni nel corso delle quali sono state asportate porte, materiale elettrico ed altri suppellettili per un valore di oltre 10.000 euro. Al riguardo si sta ora investigando per accertare se dietro tali raid furtivi via sia la responsabilità del 56enne cremonese finito in manette.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti