Commenta

Dai Camp estivi con l'E' Più
Pomì alla panchina in A1:
la favola di Irene Bertolotti

Irene Bertolotti, schiacciatrice classe 2003 di Boretto (Reggio Emilia), è stata la prima ragazza ad aver partecipato a diversi Camp estivi della Vbc ad aver calcato i campi della Serie A1. A Chieri è andata in panchina.
Foto Bepi Storti

Ormai da diverse partite la Vbc Èpiù Pomì Casalmaggiore ha schierato una “quattordicesima pantera” che ha sempre avuto un volto diverso ma ha sempre vestito la maglia numero 6 del secondo libero. Queste ragazze sono sempre arrivate dalla Vbc Alitest Viadana, squadra di Serie C targata Vbc Casalmaggiore, vera e propria “cantera” della squadra rosa, ma mercoledì 20 novembre è stato un momento particolare, Irene Bertolotti, schiacciatrice classe 2003 di Boretto (Reggio Emilia), è stata la prima ragazza ad aver partecipato a diversi Camp estivi della Vbc ad aver calcato i campi della Serie A1. Abbiamo così voluto parlare un po’ con Irene per sapere le sue impressioni, le sue sensazioni e soprattutto quello che questa esperienza le ha lasciato. Tre domande ad Irene Bertolotti.

Mercoledì al PalaFenera di Chieri la tua prima panchina nella massima serie. Che emozioni hai provato? Cosa si sente a stare per la prima volta di fianco a campionesse che fino al giorno prima vedevi solo in televisione.
Mercoledì al PalaFenera di Chieri è stata un’esperienza a dir poco unica. Devo ammettere che all’inizio avevo un po di ansia al pensiero di dover stare accanto a giocatrici così importanti e famose ma grazie alle ragazze, carinissime, mi sono sentita presto a mio agio. Tutto lo staff è stato molto accogliente e mi sono sentita parte di loro e la cosa che ha reso il tutto ancora più magnifico è anche la splendida vittoria per 3-0. È stata di sicuro un’esperienza indimenticabile che spero possa ricapitarmi.

Tu sei una delle tante ragazze che hanno passato la propria estate con la Famiglia Vbc nei camp di Forte dei Marmi qualche anno fa. Anzi, per essere più precisa, sei la prima ragazza che ha fatto i camp Vbc ad essere approdata ad una partita di Serie A1. Parlaci un po’ della tua esperienza estiva in rosa…ti senti di consigliarla alle altre ragazze? 
Sono andata ad un Camp Vbc per la prima volta nel lontano 2013 e ero forse la più piccola del camp.  Sono subito rimasta entusiasta delle attività e dall’affetto che si è creato fra ragazze e staff che ho deciso di partecipare anche negli anni successivi. Nel 2017, dopo esser andata per varie volte al Camp Vbc a Marina di Massa, andai al Camp Vbc a Forte dei Marmi, dove sono stata trattata altrettanto bene da uno staff super caloroso e  simpatico, sempre pronto a risolvere qualsiasi problema. È di sicuro un’esperienza che consiglio vivamente a tutte le ragazze, di tutte le eta, perchè oltre a divertirsi è possibile confrontarsi con ragazze che condividono la tua passione. Il Camp Vbc è un’esperienza che mi ha cambiato, dove ho fatto grandi amicizie e dove ho passato momenti indimenticabili.

Quest’anno però hai fatto un altro esordio…quello in Serie C con la Vbc Alitest Viadana. Cosa ti aspetti da questo campionato? Parlaci un po’ della tua squadra..la “cantera” della Vbc Più Pomì Casalmaggiore.
La serie C VBC Alitest Viadana è di sicuro una squadra giovanile fatta di tanto potenziale che può ancora crescere tanto fisicamente ma soprattutto mentalmente. Siamo un gruppo eterogeneo, formato da ragazze in parte provenienti da società diverse ma con la stessa voglia di farci valere in questa nuovo campionato.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti