Commenta

Registro della bigenitorialità,
si allarga il numero dei comuni
aderenti in area Oglio Po

Sono molto fiera che l’Area Oglio Po, trasversale al territorio di Cremona e Mantova, con i Comuni di Bozzolo, Commessaggio, Viadana, Piadena Drizzona, Calvatone e Tornata, abbia riconosciuto nel Registro della Bigenitorialità uno strumento condiviso di equità

Il Registro della Bigenitorialità trova adesione anche da parte delle Unioni di Comuni; in particolare in area Oglio Po, dopo l’adozione da parte dell’Unione di Calvatone e Tornata, anche l’Unione Foedus si è espressa positivamente sull’istituzione del Registro, riconoscendone la valenza amministrativa e sociale nel dare attuazione al Principio della Bigenitorialità, sancito dalla L.54/2006 Legge sull’affido condiviso. Il Comune di Spineda ha proceduto all’istituzione del Registro nel Consiglio dello scorso 8 novembre, Rivarolo del Re a seguire nel Consiglio del 15 novembre.

La Vice Presidente dell’Associazione Bi.Genitori Diritti dei Minori Cremona & Mantova Onlus Francesca Cerati, dichiara: “L’Associazione Bi.Genitori Onlus ha accompagnato i Comuni di Rivarolo del Re, Spineda e Casteldidone nel percorso procedurale di istituzione del Registro, ringrazio di cuore il Sindaco di Rivarolo del Re, Luca Zanichelli che nel ruolo di Presidente dell’Unione Foedus ha promosso l’istituzione del Registro, contribuendo insieme ai Sindaci Bonfatti Sabbioni e Vaccari alla sensibilizzazione sul tema di tutta l’area Oglio Po.

Il Sindaco di Casteldidone Vaccari per ragioni procedurali e di priorità non ha ancora potuto iscrivere all’O.d.g l’adozione del Registro ma mi ha assicurato che lo farà nel primo Consiglio utile di dicembre. Sono molto fiera che l’Area Oglio Po, trasversale al territorio di Cremona e Mantova, con i Comuni di Bozzolo, Commessaggio, Viadana, Piadena Drizzona, Calvatone e Tornata, abbia riconosciuto nel Registro della Bigenitorialità uno strumento condiviso di equità nell’esercizio del ruolo genitoriale e nella tutela dei diritti dei bambini più fragili.

L’Associazione Bi.Genitori, forte dell’adesione di moltissimi comuni, non solo di area cremonese e mantovana, ma anche di area bresciana, bergamasca e lodigiana, ha avviato una richiesta di collaborazione con ANCI Lombardia, che ha una rappresentanza per l’area casalasca proprio nel Sindaco Luca Zanichelli”.

Il presidente dell’Unione Foedus Zanichelli Luca dichiara: ”l’istituzione del Registro della Bigenitorialità ha come obiettivo la tutela dei diritti dei figli a mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei genitori che quindi possono esercitare in modo equilibrato il proprio ruolo negli ambiti di interesse del minore. Il registro consente ad entrambi i genitori di legare il proprio domicilio a quello del figlio residente nel Comune, così le comunicazioni che riguardano i figli relativamente a tutti gli ambiti (scuole, sanità, società sportive) dovranno pervenire ad entrambi i domicili.

Come Unione Foedus abbiamo deciso di istituire il Registro della Bigenitorialità con l’idea di dare un segnale forte verso la tutela dei minori che vivono in queste situazioni di disagio familiare. Condivido lo slogan dell’Associazione: “se una società vuole veramente proteggere i suoi bambini deve cominciare con l’occuparsi dei genitori”.

Ringrazio la Vice Presidente dell’Associazione Bi.Genitori Diritti dei Minori Cremona & Mantova Onlus Francesca Cerati per aver guidato le nostre Amministrazioni in questo processo di crescita sociale e istituzionale”.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti