Commenta

Un pranzo per due (e con
Edoardo Raspelli) "Dal Pescatore"
all'asta: il ricavato in beneficenza

Il programma vuole sostenere le famiglie con bambini malati di cancro costrette a lasciare la propria città e il lavoro per seguire il figlio nelle cure: ciò significa aiutarle con un contributo mensile per coprire le spese di viaggio, l'alloggio, i beni di prima necessità.

Dopo il grande successo dell’anno scorso, con una raccolta di circa 30 mila euro, quest’anno la Dreaming Night for Children torna con una veste completamente nuova. L’evento celebra l’Asta dei sogni (organizzata, così come il Dreaming Charity Shop, da Soleterre e Action Agency di Manuela Ronchi), al via il 1° dicembre (e fino al 17 dicembre) sulla piattaforma specializzata nelle attività di raccolta fondi no profit Charity Stars L’asta sarà online al link charitystars.com/soleterre2019, dove è già possibile vedere una preview di tutti i lotti disponibili.

Uno di questi è legato al comprensorio Oglio Po ed è la Edoardo Raspelli Experience, che offre l’occasione esclusiva di pranzare (con un accompagnatore) al celeberrimo ristorante “Dal Pescatore” di Canneto sull’Oglio, insieme a uno dei più celebri critici gastronomici nonché giornalista, conduttore televisivo e scrittore. La famiglia Santini, dal canto suo, ha deciso di dare il proprio fattivo contributo, offrendo i menu alla coppia che si aggiudicherà l’asta.

Grandi personaggi che hanno fatto la differenza nel proprio campo donano il proprio tempo all’asta, mettendosi a disposizione per una serie di dreaming experience uniche. Un “doppio” regalo di Natale, sia perché ci permette di veder realizzato il sogno di chi lo riceve, ma anche perché la cifra va a contribuire al “Programma Grande Contro Il Cancro”, nello specifico nei reparti di onco-ematologia pediatrica di Pavia e Taranto.

Il programma vuole sostenere le famiglie con bambini malati di cancro costrette a lasciare la propria città e il lavoro per seguire il figlio nelle cure: ciò significa aiutarle con un contributo mensile per coprire le spese di viaggio, l’alloggio, i beni di prima necessità e fornire loro tutta l’assistenza psicologica di cui hanno bisogno sia in ospedale sia a domicilio una volta terminate le cure. In undici edizioni di Dreaming Night For Children sono stati raccolti oltre 180 mila euro. Madrina del progetto è la storica testimonial Natasha Stefanenko.

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti