Cultura
Commenta

Ciao ci vediamo domani e Casa di Riposo Grassi: lo spazio nel 2099 da una prospettiva diversa

Avere cura del pianeta e delle relazioni con chi ci sta intorno, superare il muro delle diffidenze verso chi è diverso da noi ed avere un atteggiamento accogliente ed aperto all'incontro con l'altro, sono stati quindi i messaggi lanciati a gran voce dal gruppo.

VIADANA – Un appuntamento graditissimo che ritorna: un regalo per chi va in scena e per chi assiste: si è svolto al Teatro Vittoria di Viadana lo spettacolo di teatro di comunità che ha visto coinvolti gli utenti e le volontarie del “Ciao ci vediamo domani” del Comitato Viadanese di Solidarietà, gli anziani e gli educatori della Casa di Riposo Louisa Grassi e altri cittadini di Viadana e dintorni che hanno creato un gruppo estremamente eterogeneo ma capace di relazionarsi durante i dieci pomeriggi di prove e creare legami forti.

Lo spettacolo, a cura degli Zerobeat, compagnia che da 10 anni accompagna il Comitato Viadanese di Solidarietà nella realizzazione di questo progetto, è stato ambientato nel 2099 e ha raccontato la storia di un gruppo di persone che, a causa dell’inquinamento che sta mandando al collasso il nostro pianeta, è costretto ad abbandonare la Terra e, nelle vesti di astronauti, a migrare nello spazio alla ricerca di un altro posto in cui vivere. Approdati in un nuovo ambiente, i protagonisti hanno avuto incontri con esseri viventi alieni, con i quali però hanno trovato il modo di relazionarsi e, superando i pregiudizi legati alle diversità, hanno trovato accoglienza e visto nascere nuove amicizie.

Avere cura del pianeta e delle relazioni con chi ci sta intorno, superare il muro delle diffidenze verso chi è diverso da noi ed avere un atteggiamento accogliente ed aperto all’incontro con l’altro, sono stati quindi i messaggi lanciati a gran voce dal gruppo. Buon successo di pubblico che ha regalato applausi e sostenuto gli attori durante tutto lo spettacolo. Non sono mancati balli finali e saluti e auguri di buon Natale per tutti.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti