Ultim'ora
Commenta

Rubata l'insegna de
"L'agnello d'oro". Boles: "Colpo
al cuore, era lì da 170 anni"

Ricordiamo che “L’agnello d’oro” era una storica osteria di Casalmaggiore, sita in via Cavour, gestita proprio dalla famiglia di Boles. Da allora quello stemma era rimasto proprio a ricordo di quel periodo e di una delle attività storiche di Casalmaggiore.

CASALMAGGIORE – Lo definisce un pezzo di Casalmaggiore che se ne va, Giuseppe Boles, che ha annunciato un furto singolare e che proprio per questo fa più rabbia, dalla propria pagina Facebook. “Venerdì notte qualcuno – spiega Boles – ha pensato bene di rubare lo stemma che tutti in paese conoscono, temo per rivenderlo a due soldi in qualche mercatino d’antiquariato. Erano 170 anni che l’insegna de “L’agnello d’oro” faceva da cornice silenziosa a questa casa carezzando con lo sguardo chiunque fosse di passaggio. E’ una parte di Casalmaggiore che se ne va e con lui anche una fetta del mio cuore. Sono senza parole”.

Ricordiamo che “L’agnello d’oro” era una storica osteria di Casalmaggiore, sita in via Cavour, gestita proprio dalla famiglia di Boles. Da allora – da oltre un secolo e mezzo – quello stemma era rimasto proprio a ricordo di quel periodo e di una delle attività storiche di Casalmaggiore.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti