Commenta

Autostrade. Balotta: "Il
congelamento delle
tariffe è solo un rinvio"

Sono aumenti ingiustificati che dimostrano la crisi in cui versano le nuove tratte Brebemi e Pedemontana con un traffico insufficiente per ripagare i debiti contratti, mentre l’aumento di Autovie Padane è il regalo di Natale del Governo al nuovo gestore della tratta

“La buona notizia del congelamento delle tariffe sul 95% della rete autostradale fino a giugno del 2020 non deve trarre in inganno i consumatori. Secondo le attuali norme che regolano i rapporti tra Ministero dei Trasporti e Concessionari gli aumenti che vengono congelati oggi sono solo rinviati. Le attuali norme andrebbero ridisegnate a favore dell’interesse pubblico e riducendo quello dei Concessionari ma siamo ancora lontani da una riforma del settore che metta al centro la sicurezza e la qualità dei servizi. Una fetta di rete lombarda (quella nata su basi federaliste) continua invece la sua corsa tariffaria. La Brebemi aumenta del 3,79% i pedaggi, la Pedemontana lombarda dello 0,80% mentre la Tangienziale Est Esterna di Milano non è negli elenchi dei gestori che aumentano ne tra quelli che non aumentano. Aumentano anche le Autovie Padane ex Centropadane del 4,88% e la CAV Concessionarie Autostradali Venete (gestisce il passante di Mestre) dell’1,20%. Brebemi che pratica già tariffe doppie rispetto a quelle medie  si conferma la più cara d’Italia. Nel 2017 aveva aumentato del 7,88%, nel 2018 del 4,69% e lo scorso anno del 4,19%. Sono aumenti ingiustificati che dimostrano la crisi in cui versano le nuove tratte Brebemi e Pedemontana con un traffico insufficiente per ripagare i debiti contratti, mentre l’aumento di Autovie Padane è il regalo di Natale del Governo al nuovo gestore della tratta che recentemente ha rilevato la Centro Padane”. A dirlo Dario Balotta, presidente dell’osservatorio nazionale liberalizzazioni infrastrutture e trasporti.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti