Commenta

Borsa di studio della Provincia
di Cremona: tre studenti
universitari sono del Casalasco

La valutazione delle domande avviene a cura di apposita Commissione composta dal Presidente della Provincia, dal vice Prefetto di Cremona, dal Direttore del Consorzio Bonifica Dugali, dal Vice Presidente del Consorzio Bonifica Navarolo e dal responsabile dell'UTR Val Padana.

La Provincia di Cremona, nel rispetto di quanto previsto dalla deliberazione di Consiglio Provinciale di accettazione della donazione modale del Comprensorio dell’Argine Maestro Inferiore Cremonese al Fiume Po, ha istituito anche per l’anno 2019 cinque Borse di Studio da destinare a studenti universitari meritevoli e in possesso dei seguenti requisiti di ammissibilità:

  • residenza in uno dei 17 Comuni del Comprensorio,
  • superamento di tutti gli esami previsti dal Piano di Studi per ogni anno accademico di riferimento.

Il lascito prevede che l’assegnazione delle borse avvenga in base a 4 categorie di appartenenza del candidato da considerarsi in ordine decrescente:

  • 1^ CATEGORIA: frequenza di un corso di laurea delle facoltà di ingegneria (con piani di studio riferiti all’idraulica e/o alla difesa del suolo), agraria, veterinaria, scienze dell’alimentazione e geologia con una media complessiva non inferiore a 27/30;
  • 2^ CATEGORIA: frequenza di un corso di laurea di altre facoltà, con una media complessiva non inferiore a 27/30;
  • 3^ CATEGORIA: frequenza di un corso di una delle facoltà individuate in via principale (quelle della 1^ categoria), con una media complessiva non inferiore a 24/30;
  • 4^ CATEGORIA: frequenza di un corso di laurea di altre facoltà, con una media complessiva non inferiore a 24/30.

La valutazione delle domande avviene a cura di apposita Commissione composta dal Presidente della Provincia, dal vice Prefetto di Cremona, dr.ssa Roberta Verrusio, dal Direttore del Consorzio Bonifica Dugali, Naviglio, Adda Serio, dr. Paolo Micheletti, dal Vice Presidente del Consorzio Bonifica Navarolo Marco Ferraresi e dal responsabile Area Territoriale dell’UTR Val Padana di Regione Lombardia, Claudio Guarneri.

La Commissione assegna nell’anno 2019 le  cinque borse di studio ai sigg.ri:

  1. DAVIDE CASTOLDI di Spineda, appartenente alla 1^ categoria prevista dal bando.

Nell’a.a. 2017/2018 era iscritto al terzo anno del corso di laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali presso la Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore sede di Piacenza, con una media complessiva pari a 29/30,

In data 18/07/2018 ha conseguito la laurea con votazione 110 e lode.

  1. GABRIELE MAZZOLARI di Casteldidone, appartenente alla 2^ categoria prevista dal bando.

Nell’a.a. 2017/2018 era iscritto al primo anno del corso di laurea di primo livello in “Ingegneria meccanica”  presso il Politecnico di Milano, con una media complessiva  pari a 28/30;

  1. MARIANI ARIANNA di Stagno Lombardo, appartenente alla 2^ categoria prevista dal bando.

Nell’a.a. 2017/2018 era iscritta al terzo anno del corso di laurea in “Tecnica della riabilitazione psichiatrica” presso l’Università degli Studi di Pavia, con una media complessiva pari a 28/30;

  1. LISA BANDERA di San Daniele Po, appartenente alla 2^ categoria prevista dal bando.

Nell’a.a. 2017/2018 era iscritta al primo anno del corso di laurea “Scienze linguistiche” presso  l’Università Cattolica Sacro Cuore di Brescia, con una media complessiva pari a 28/30.

  1. LUI VALENTINO di Cingia de’ Botti, appartenente alla 4^ categoria prevista dal bano.

Nell’a.a. 2017/2018 era iscritto al primo anno del corso di laurea in “Ingegneria Meccanica” presso il Politecnico di Milano, con una media complessiva pari a 26/30.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti